26 giugno 2017
Aggiornato 05:30
Santoro e Puksic hanno fatto il punto

Ermes completato al 94%, 1.800 km di fibra ottica

Fino a oggi sono stati collegati 216 municipi e 544 sedi di pubblica amministrazione, 70 scuole (diventeranno 120 entro il 2016)

Il punto sulla fibra ottica in Fvg (© Diario di Udine)

UDINE - "Stiamo costruendo l'autostrada del futuro. La rete di banda larga Ermes - ha affermato l'assessore alle Infrastrutture del Friuli Venezia Giulia, Mariagrazia Santoro, nel corso di un incontro pubblico a Povoletto - è la più importante infrastruttura di cui abbiamo bisogno e ora finalmente potranno beneficiarne anche i privati cittadini".
L'evento, organizzato in collaborazione con Insiel e i Comuni di Povoletto, Attimis e Faedis, è stata l'occasione per illustrare il progetto di cessione della fibra ottica regionale agli operatori privati.
I tre comuni rientrano nell'area interessata dal primo avviso di cessione della banda larga che ha visto l'assegnazione dei 100 chilometri iniziali di fibre ottiche regionali a tre operatori che ora potranno predisporre le offerte di connettività ai privati, sia per utenze domestiche che aziendali.

"Se oggi anche i privati cittadini e le imprese possono beneficiare di connessioni più veloci - ha aggiunto Santoro - è grazie al lavoro svolto per l'infrastrutturazione della rete e grazie alla trattativa con Bruxelles per consentire l'avvio dei bandi per la cessione della fibra agli operatori di telefonia".
L'assessore ha quindi evidenziato i numeri di questa "grande opera pubblica" che ha richiesto oltre 800 autorizzazioni per giungere a raddoppiare i chilometri realizzati e passare dagli 850 chilometri di rete realizzati tra il 2005 e il 2013 a quasi 1.800 chilometri completati a giugno di quest'anno.
Ermes è ora al 94% di quanto complessivamente previsto, con 199 municipi collegati su 216 e 544 sedi di pubblica amministrazione. Attualmente sono collegate a Ermes 70 scuole che diventeranno 120 entro il 2016.

L'Offerta Ermes agli operatori ha consentito finora di rilasciare le concessioni per il diritto d'uso agli operatori dei primi 100 km di fibre ottiche regionali (nel Cividalese e nel Codroipese), mentre è in corso di cessione l'uso di ulteriori 180 km di fibra ottica (Udine-Pordenone, Udine -Tarvisio, Medio Friuli e Distretto Alimentare, Valli del Torre). Chiuso, inoltre, il terzo avviso per ulteriori 415 km di fibra ottica che interessa tutta la montagna friulana ed è in pubblicazione il quarto avviso per 230 km di fibra con l'obiettivo di cedere in uso la quella pubblica in tutta la regione entro il 2017.
Sono stati infine pubblicati i primi tre avvisi per la concessione di risorse della rete pubblica Ermes nelle zone industriali ed un quarto avviso è in fase di predisposizione. Sono oltre 2000 le aziende dei distretti che potranno beneficiare della nuova connettività.
Santoro ha ringraziato Insiel, il partner tecnico operativo che ha garantito la realizzazione dell'opera sia sotto il profilo tecnologico che amministrativo, gestito a stretto contatto con gli uffici regionali.

Proprio il presidente di Insiel, Simone Puksic, presente all'incontro, ha ribadito "la centralità del ruolo di Insiel, divenuta a tutti gli effetti un service provider ovvero un'azienda di servizi che con 680 addetti e 100 milioni di fatturato sta contribuendo a realizzare un futuro digitale a portata di cittadino".
Per l'assessore alle Attività produttive del Comune di Povoletto, Giulia Tracogna, "saranno molti i cittadini che beneficeranno della nuova velocità del servizio di connessione. Resta la criticità delle zone più periferiche dei tre comuni di quest'area, verso le quali è necessario un ulteriore sforzo, anche da parte degli Enti sovracomunali, affinché venga garantito l'accesso ai servizi telematici a tutti i cittadini e a tutte le imprese".