La novità

Taglio del nastro per il Cap di Cividale del Friuli

Centro di assistenza primaria è stato inaugurato da Serracchiani e Tedesca. Una risposta alle specifiche necessità dei pazienti, nell'ambito di una nuova sanità che ruota attorno al cittadino

L'inaugurazione del nuovo Cap di Cividale (© Regione Fvg)

L'inaugurazione del nuovo Cap di Cividale (© Regione Fvg)

CIVIDALE DEL FRIULI - Una risposta alle specifiche necessità dei pazienti, nell'ambito di una nuova sanità che ruota attorno al cittadino. Ma anche una dimostrazione concreta di quanto sia importante per la Regione questo ospedale quale punto di riferimento per il territorio.
Sono questi, in sintesi, i due concetti principali espressi dalla presidente della Regione Debora Serracchiani, che ha partecipato al taglio del nastro del Centro di assistenza primaria (Cap) di Cividale. Assieme a lei erano presenti anche l'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca, il sindaco di Cividale Stefano Balloch, il direttore generale e quello sanitario dell'Asui di Udine Mario Delendi e Gianpaolo Canciani, il direttore sanitario del distretto di Cividale Luigino Vidotto nonché il coordinatore dell'aggregazione funzionale territoriale Sergio Calderini.

300 metri quadrati al piano terra dell'ospedale
Il Cap, che si trova al piano terra dell'ospedale di Cividale, occupa una superficie di circa 300 metri quadrati. La riqualificazione di questa parte del nosocomio consentirà l'attività ambulatoriale dei medici di medicina generale e degli specialisti che opereranno in forma integrata insieme a loro, del pediatra e degli infermieri. Oltre alle strumentazioni di base, sono disponibili anche un elettrocardiografo e un ecografo per la diagnostica rapida specialistica. Coloro che opereranno all'interno del Cap si occupano di cardiologia, diabetologia, pneumologia, oculistica, chirurgia generale e vascolare, ortopedia, dermatologia, odontoiatria, otorinolaringoiatria, ostetricia e ginecologia.
Dopo la consegna dei locali, la struttura entrerà a pieno regime entro la fine del mese di febbraio. Come ricordato da Delendi, la spesa sostenuta sia per i lavori di recupero del pianterreno per dare ospitalità al Cap sia per la sistemazione delle sale operatorie dell'ospedale di Cividale, ammonta a poco meno di mezzo milione di euro.

Dare risposte efficaci alle esigenze sempre più complesse dei cittadini
Per Serracchiani l'attività dei Cap rappresenta un cambio nel metodo di lavoro, il cui obiettivo è dare risposte efficaci alle esigenze sempre più complesse dei cittadini. «Quello attuato dai medici che operano all'interno del Centro di assistenza primaria - ha detto la presidente - è un lavoro di squadra impegnativo, poiché prevede un cambio di paradigma rispetto al passato. Ed è quindi anche a loro che va rivolto un plauso in quanto ci stanno aiutando a compiere un salto di qualità, con lo scopo di creare una sanità impegnata a ruotare intorno alle esigenze dei pazienti e non viceversa, com'è accaduto fino a oggi".
Dal canto suo l'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca ha ricordato il grande lavoro che è stato compiuto per la scrittura di nuove regole che stanno rivoluzionando la medicina generale. "Il Cap presente a Cividale - ha sottolineato l'assessore alla Salute - è molto evoluto, grazie anche alla sua collocazione strategica all'interno dell'ospedale, potendo così dare risposte molteplici e molto accurate alle esigenze delle persone». Una struttura che non rappresenta un'alternativa al Pronto soccorso. «Il Cap - conclude l'assessore - migliora il modo di affrontare i problemi di salute dei cittadini e sicuramente, di conseguenza, migliorerà nel tempo anche i problemi di accesso inappropriato al pronto soccorso».