Il punto della società

Parcheggi in struttura a Udine: più utenti e maggiori incassi per Ssm

Comincia a funzionare il park di piazza Primo Maggio: si è passati dai 15.790 transiti mensili di settembre ai 22.601 di dicembre 2016. Dato come imminente l'avvio dei posti auto a pagamento in via Chiusaforte.

Il direttore di Ssm Pellegrini illustra i dati del 2016 (© Diario di Udine)

Il direttore di Ssm Pellegrini illustra i dati del 2016 (© Diario di Udine)

UDINE – Comincia a funzionare il parcheggio in struttura di piazza Primo Maggio. Sempre più utenti scelgono di utilizzarlo, tanto che negli ultimi mesi il trend è in costante crescita: si è passati dai 15.790 transiti mensili di settembre ai 22.601 di dicembre 2016. Un bilancio sull’attività di Sistema Sosta e Mobilità (Ssm) è stato fatto martedì mattina da presidente Giovanni Businello e dal direttore Pierluigi Pellegrini.

I dati di parcheggi in struttura e a raso
A disposizione della città ci sono 2.677 posti auto in struttura che complessivamente, rispetto all’anno precedente, nel 2016 hanno registrato un incremento di transiti dell’1,29% (da 655.448 a 663.914) e una crescita degli incassi dell’1,65% (da 1.288.874 a 1.310.195 euro). Dati che non tengono conto dei 110 mila accessi del park Primo Maggio e dei ‘suoi’ 134 mila euro. La struttura che nel 2016 ha fatto registrare l’incremento maggiore è stato il Venerio, con un +7,28%, mentre quello con le prestazioni peggiori è l’Andreuzzi con un -3,56%. Complessivamente un utente medio lascia l’auto nei park cittadini tra le 2 e le 3 ore e mezza, con picchi al mattino e nel primo pomeriggio.
Ssm ha fornito anche le modalità di pagamento preferite dagli utenti, con la cassa automatica al primo posto con il 76% seguita dalla cassa manuale con operatore al 16% e dalle card prepagate all’8%.
Trend in crescita anche per i parcheggi a raso, con un +0,81% degli incassi e un aumento del numero di posti blu (da 4.033 a 4.233).

Primo Maggio ma non solo
L’apertura del parcheggio sotterraneo ha fatto diminuire il numeri di auto posteggiate a raso, specialmente nella zona delle Grazie. «Siamo soddisfatti dell’andamento della struttura – assicura il direttore Pellegrini – credo che il top lo potrà raggiungere tra 6 mesi un anno». Grazie a questa struttura, gli incassi di Ssm sono cresciuti del 12,07%, i transiti del 18,21%. Un dato non da trascurare, visto che il parcheggio di Giardin Grande sarà ripagato proprio con i maggiori introiti della società.
Tra le informazioni date durante la conferenza stampa, c’è l’avvio, ormai imminente, del pagamenti dei parcheggi di via Chiusaforte («manca solo una delibera della giunta comunale»), ma anche i numeri sulla telesosta. Un servizio cresciuto del 37% con 2.868 iscritti (nel 2015 erano 2.063), che funziona soprattutto grazie alla App (59%) e agli Sms (18%).

Interventi promozionali
Pellegrini ha anche ricordato le promozioni in atto per agevolare gli automobilisti. Per quanto riguarda i posteggi in struttura, la gratuità della sosta dalle 20 alle 24, l’estensione dell’orario di apertura fino alle 22 nelle giornate di venerdì e sabato, l’attivazione del pagamento sulla frazione dei 30 minuti, la prima ora gratuita, dalle 14 alle 21, nei park Andreuzzi, Caccia e Tribunale. Per i parcheggi a raso, la gratuità per i veicoli elettrici, ibridi e a metano, l’attivazione gratuita e 5 euro di bonus per i nuovi clienti Telesosta e la tariffa forfait giornaliero 1,50 euro in via Uccellis.