Il primo marzo 2017

Mercoledì delle Ceneri: una ricetta sfiziosa per l'aringa

Per i più ha probabilmente perso la valenza religiosa, da cui trae origine, ma il pasto a base di pesce del primo giorno di Quaresima rimane un must

Mercoledì delle Ceneri: una ricetta sfiziosa per l'aringa (© FriulTrota)

Mercoledì delle Ceneri: una ricetta sfiziosa per l'aringa (© FriulTrota)

FVG - È un appuntamento molto sentito in regione. Al pranzo o alla cena delle Ceneri nessuno rinuncia. Al ristorante o a casa, infatti, ‘Pe Cinise si mangje la renghe’, proprio come dice la tradizione. Una tradizione che si perde nella notte dei tempi. Per i più ha probabilmente perso la valenza religiosa, da cui trae origine, ma il pasto a base di pesce del primo giorno di Quaresima rimane un must.

La tradizione
Benché originariamente le Ceneri avessero lo scopo di ricordare ai devoti la labilità e futilità della vita terrena contro l’importanza della fede e dell’impegno in periodo di Quaresima, oggi è più probabilmente diventata un'occasione per passare una serata (o come detto, un pranzo) con gli amici, gustando quei piatti della tradizione popolare e culinaria che non si è più soliti preparare tra le mura di casa.

La ricetta
Se invece non volete uscire e, perché no, volete mettervi alla prova ai fornelli, con l’aringa, ecco qui una ricetta direttamente dal ricettario di FriulTrota. Si tratta del Carpaccio d’Aringa (Sciocca) con stracchino, mandorle tostate e polvere di caffè.

Ecco gli ingredienti per 4 persone
3 filetti di aringa sciocca, 120 gr. di stracchino freschissimo, 60 gr. di mandorle affettate, 1 cucchiaino di polvere di caffè, sale, pepe, olio extravergine.

Ecco come procedere per la preparazione
Mantecare lo stracchino con un goccio d’olio extravergine d’oliva. Tostare in forno a 180°C le mandorle affettate finchè assumeranno colore dorato. Tagliare il filetto di aringa a lamelle molto sottili. Disporre lo stracchino al centro del piatto e livellarlo con il dorso di un cucchiaio. Posizionare sullo stracchino alcune fettine di aringa e le mandorle tostate filettate. Spolverizzare il tutto con polvere di caffè. Condire con un filo d’olio extravergine e guarnire con qualche fogliolina d’erba aromatica.