In attesa del Festival Risonanze in programma a giugno

A Malborghetto la Giornata internazionale della musica antica

Attesi 10 docenti internazionali e oltre 40 studenti provenienti da conservatori e accademie

A Malborghetto la Giornata internazionale della musica antica (© Busettini)

A Malborghetto la Giornata internazionale della musica antica (© Busettini)

MALBORGHETTO-VALBRUNA - Dieci docenti internazionali, oltre 40 studenti provenienti dall’Accademia Musicale di Lubiana e da alcuni conservatori italiani, più di 80 bambini e ragazzi delle scuole primarie e medie dell’Istituto Bachmann coinvolti: questi i numeri della Giornata internazionale della musica antica organizzata per martedì 21 marzo al palazzo Veneziano di Malborghetto nell’ambito del Festival Risonanze. «A impreziosire il programma della giornata la presenza di Romina Basso, voce della musica antica di fama mondiale, Mario Martinoli, general manager di Theresia Project, orchestra barocca su strumenti originali composta da musicisti provenienti dalle maggiori scuole europee di musica antica e Luisa Antoni, giornalista musicale conosciuta a livello internazionale». Alberto Busettini, assessore alla Cultura del Comune di Malborghetto-Valbruna e direttore artistico del festival racconta con soddisfazione questo primo grande evento di Risonanze. «Al mattino ci saranno sette laboratori didattici alla scoperta degli strumenti antichi e della loro letteratura – aggiunge Busettini –. I ragazzi potranno interagire con docenti e studenti dell’accademia di Lubiana, e scoprire il suono del trombone antico, del liuto, del clavicordo piuttosto che del traversiere o flauto dolce».

Gli ospiti
Presenti alla Giornata della musica antica anche i cembalari Gianpaolo Plozner e i fratelli Leita. Il pomeriggio sarà invece dedicato agli esperti del settore: il professor Egon Mihajlovic guiderà una tavola rotonda dal tema ‘What’s in early music?’, durante la quale diversi relatori si alterneranno portando all’attenzione di studenti e partecipanti studi e indagini che spaziano dalle ‘Donne in Musica’ all’origine dello square piano fino al ‘Quinto concerto brandeburghese, sintesi bachiana tra il concerto di Vivaldi e lo stile francese’. La giornata si concluderà con un concerto, alle 20, offerto dal dipartimento di musica antica dell’Accademia di Lubiana, diretto dal professor Mihajlovic.

Informazioni più dettagliate sul sito internet www.risonanzefestival.com o sulla pagina Facebook dedicata.