La decisione della giunta

La Regione sostiene il restyling delle strutture ricettive

A disposizione 18 milioni di euro da distribuire in regime de minimis fino a un massimo i 200 mila euro pari al 50% della spesa prevista.

Fondi regionali per le strutture ricettive del Fvg (© Adobe Stock)

Fondi regionali per le strutture ricettive del Fvg (© Adobe Stock)

FVG - La giunta regionale ha approvato, su proposta del vicepresidente Sergio Bolzonello, il testo del regolamento che disciplina la concessione di 18 milioni di euro di contributi in conto capitale alle strutture ricettive turistiche. «Da molti anni il Friuli Venezia Giulia non prevedeva un finanziamento così cospicuo a sostegno di una ricettività che è un problema avvertito in tutta Italia. Adesso è pronto anche il regolamento attuativo che darà la possibilità a chi desidera ristrutturare o ampliare la propria struttura di acquisire questi fondi in regime de minimis, quindi un massimo di 200 mila euro pari al 50% della spesa prevista. Complessivamente - ha concluso il vicepresidente - contiamo di sostenere un centinaio di interventi importanti».

Il regolamento è finalizzato a migliorare le dotazioni qualitative e quantitative dell'offerta ricettiva turistica regionale ed è indirizzato a sostenere le microimprese, le piccole e medie imprese turistiche e i pubblici esercizi annessi alle medesime, ricomprendendo, diversamente da prima, non solo gli alberghi ma tutte le tipologie di attività ricettive.
Saranno finanziabili iniziative di ampliamento, ristrutturazione, ammodernamento e straordinaria manutenzione relativi alle strutture ricettive turistiche e la realizzazione di parcheggi a servizio delle stesse, nonché l'acquisto dei relativi arredi e attrezzature. I contributi regionali in regime de minimis copriranno sino al 50% della spesa ammissibile, il cui tetto massimo è di 400 mila euro per gli interventi strutturali e fino al 40% nel caso di acquisto di arredi e attrezzature.

La gestione del canale contributivo è affidata al Centro di assistenza tecnica alle imprese del terziario che provvederà ad istruire le domande sulla base di un procedimento valutativo a graduatoria.
Nell'ambito della valutazione, i punteggi più alti saranno attribuibili alle iniziative comportanti lavori sulle strutture turistiche. Sono previsti inoltre dei punteggi premiali, in particolare per le iniziative realizzate nei comuni di Grado, Lignano Sabbiadoro e nei comuni montani appositamente individuati, oltre che per le imprese aderenti a contratti di rete. La misura per la quale sono stati messi a disposizione 18 milioni di euro viene incontro alle esigenze degli operatori turistici ed è di stimolo al rinnovamento ed alla riqualificazione del complesso delle strutture turistiche, consentendo la presentazione di un'offerta del prodotto turistico regionale maggiormente competitiva e funzionale alle esigenze di un utenza sempre più attenta ed esigente.