Consegnato l'intervento finanziato dalla Danieli di Buttrio

Parte il restauro delle statue e della fontana di piazza Libertà

Al via il restauro conservativo della fontana di Giovanni Carrara, del Monumento alla Pace di Campoformido, delle sculture raffiguranti Ercole e Caco e della colonna con leone marciano finanziate tramite Art Bonus

UDINE - È stato consegnato ufficialmente il cantiere per il restauro delle statue, della fontana e del monumento alla Pace di piazza Libertà, alla presenza del sindaco di Udine, Furio Honsell, dell'assessore alla Cultura, Federico Pirone, dell'assessore all'Innovazione, Gabriele Giacomini, della manager di Danieli spa, Paola Perabò, della rappresentante della Soprintendenza regionale, Elisabetta Francescutti, e dei funzionari del Comune e della ditta a cui sono state affidate le opere. Un intervento reso possibile grazie al mecenatismo della Danieli & C. Officine Meccaniche Spa di Buttrio, che già in altre occasioni - dall'angelo del castello ai mori della Loggia di San Giovanni fino al recente intervento sulla statua della Giustizia - ha dato il suo sostegno per la conservazione del patrimonio artistico e architettonico della città. L'intervento, finanziato utilizzando l'Art Bonus, l'agevolazione fiscale voluta dal Governo e riconosciuta a tutti coloro che effettuano un’erogazione liberale a sostegno della cultura, completa quindi il restauro di una delle più affascinanti piazze del centro storico cittadino.

Il contributo della Danieli consentirà il restauro delle quattro installazioni in pietra presenti sul terrapieno, ovvero il Monumento alla Pace di Campoformido, le sculture raffiguranti Ercole e Caco, la colonna con il leone marciano, e la fontana di Giovanni Carrara che si trova sul lato sinistro dello stesso terrapieno. «Anche quest'anno il Comune di Udine realizza delle opere di restauro conservativo del suo patrimonio architettonico, come è giusto che sia per una città d'arte – sottolinea il sindaco Honsell –. Ringrazio in particolar modo la Danieli e il suo presidente Gianpietro Benedetti, che con autentico mecenatismo del XXI secolo si accollano l'onere di riqualificare quello che è il cuore di Udine e del Friuli».

L'intervento ha una durata prevista di 120 giorni per un importo di 72.000 euro (ridotto a 43.000 dopo il ribasso d'asta), affidato all'impresa L.A.A.R. s.r.l. di Udine. «Con questo intervento potremo completare il restauro di uno dei luoghi simbolo della città, già riconosciuto come la più bella piazza veneziana di terraferma – osserva l'assessore Pirone –. Ringrazio quindi la Danieli, che già prima dell'istituzione dell'Art Bonus si era impegnata nel finanziamento di analoghe opere. Spero che il suo esempio possa essere seguito magari anche da altre aziende perché molto ci sarebbe da fare nella nostra regione per garantire la migliore conservazione dei beni architettonici e artistici. Per quanto riguarda Udine, ad esempio, sarebbe importante intervenire con opere di restauro sulla facciata del Castello e sul Partidor di Dino Basaldella. Auspico inoltre che questa occasione possa far riflettere cittadini e turisti sull'importanza di rispettare la città e i suoi tesori».