27 giugno 2017
Aggiornato 12:00
già oro e argento nel nuoto a Shanghai 2007

Iacop: sigillo del Consiglio Regionale a Luisa Polonia oro mondiale

Sigillo dell'Assemblea regionale all'atleta di Villa Santina oro nello slalom speciale ai giochi mondiali invernali Special Olympics in Austria disputati a fine marzo

UDINE - «La medaglia d'oro del Consiglio regionale non solo come meritato riconoscimento per i traguardi raggiunti ma soprattutto come incitamento a conseguire nuovi successi, con l'entusiasmo per lo sport che fin qui ha guidato le
sue imprese»
. Questo l'augurio che il presidente del Consiglio regionale Fvg Franco Iacop ha espresso consegnando il sigillo dell'Assemblea regionale a Luisa Polonia, l'atleta di Villa Santina oro nello slalom speciale ai giochi mondiali invernali Special Olympics in Austria disputati a fine marzo.
«La tua medaglia d'oro fa onore al Friuli Venezia Giulia e all'Italia» - ha aggiunto Iacop ringraziandola per interpretare in
modo pieno i valori dello sport.

All'incontro, nella sede udinese del Consiglio regionale, assieme all'atleta, anche il sindaco di Villa Santina Romano Polonia, il presidente regionale Special Olympics Giuliano Clinori, il referente nazionale triathlon dello Csen (Centro sportivo educativo nazionale) Eliseo Rainone, oltre alla sorella Raffaella che fin dall'età di cinque anni l'ha spronata a cimentarsi nelle diverse discipline e che da trent'anni la segue nelle sue imprese sportive.

Già oro e argento nel nuoto agli Special Olympic di Shanghai del 2007, Luisa Polonia, che oggi ha 35 anni, nel 1996 attraversò bracciata dopo bracciata lo stretto di Messina: 3,4 chilometri in un'ora e 8 minuti; ma fra i suoi record anche quello di campionessa italiana di tango argentino per tre anni. «Ora mi dedico anche alle bocce» - ha dichiarato ripercorrendo con entusiasmo la sua carriera sportiva e raccontando la gioia e l'emozione di questo nuovo oro: «Non immaginavo di arrivare a questi traguardi», ha affermato con semplicità, sottolineando quanto lo sport sia per lei stimolo e fonte di impegno e di divertimento. E quanto avvincente sia stata l'esperienza al mondiale d'Austria al quale hanno partecipato 2700 atleti di 104 nazioni, con il coinvolgimento di 5000 volontari e tecnici e di 800 esponenti del mondo dei media.
Luisa Polonia fa parte del Carnia special team di Tolmezzo che nelle varie discipline annovera una quarantina di atleti speciali e il riconoscimento del Consiglio regionale oggi è stato un tributo anche alla famiglia di Luisa, alla comunità di Villa Santina e allo Csen per aver contribuito con determinazione a far esprimere un talento così straordinario.

Una lezione importante anche per chi segue, allena, sostiene gli atleti speciali - è stato sottolineato - perchè da loro, che si abbracciano sia quando vincono che quando perdono, vivendo il divertimento puro, viene la dimostrazione del vero fair play dello sport e della possibilità con esso di superare tutte le differenze.