29 maggio 2017
Aggiornato 22:30
Sabato 6 maggio

Nuova edizione per Palmanova International Jazz Day

Coinvolte 20 regioni, oltre 20 eventi da Nord a Sud: l'Italia suona a ritmo di jazz

Nuova edizione per Palmanova International Jazz Day (© AdobeStock | alexandre zveiger)

PALMANOVA - Sabato 6 maggio torna, per la seconda edizione, il Palmanova International Jazz Day, organizzato dal Comitato Giovani UNESCO del Friuli Venezia Giulia assieme al Comune di Palmanova: da mattino a sera si celebrerà, con eventi gratuiti, la Giornata Internazionale del Jazz, proclamata nel 2011 dall' Unesco, come musica in grado di unire persone diverse in tutti gli angoli del pianeta. ‘La proposta del Comitato Giovani della Cni per l' UNESCO Fvg è stata sposata con entusiasmo dal Comune di Palmanova già l'anno scorso quando è stata celebrata la prima Giornata Internazionale del jazz in città. La musica, potente strumento di comunicazione, ha dimostrato in più occasioni di essere fonte di attrazione per Palmanova’ è il commento di Thomas Trino, assessore alle attività produttive e alle politiche giovanili della città stellata.

Tre concerti nella piazza di Palmanova
La giornata comincerà con una Jazz Matinée di tre concerti nella piazza di Palmanova, dove, dalle 11 alle 13.15 note jazz introdurranno il pubblico a questa forma d'arte. L'evento proseguirà poi alle 15.30 con una novità di quest’anno: una pedalata lungo le mura della città, che hanno consentito a Palmanova di candidare i bastioni a patrimonio Unesco. Il percorso, di un'ora circa, prenderà avvio dalla zona verde di via Vallaresso (Porta Cividale) e consentirà di conoscere più da vicino il suggestivo impianto edificato a difesa della città. Per chi non fosse munito di bicicletta, è previsto anche un percorso guidato a piedi alla scoperta del Parco Storico dei Bastioni, con partenza alla medesima ora dalla prima lunetta napoleonica a sinistra di Porta Aquileia.

AperiJazz
Alle 17, tra i bastioni e la Polveriera Napoleonica di Contrada Garzoni, avrà inizio AperiJazz, degustazione vini e concerto, in collaborazione con Euritmica Associazione Culturale e Udin&Jazz, di Lorena Favot&Gaetano Valli duet ‘Ella & Joe’: un progetto dedicato al duo chitarra e voce più famoso e celebrato della storia del jazz di tutti i tempi, quello composto da Ella Fitzegerald e Joe Pass. In repertorio, i cavalli di battaglia del duo, alcuni dei più conosciuti standard jazz, brani tratti dall’ampio songbook americano fino a sconfinare nei territori della canzone italiana.

Jazz Soirée
A seguire, sempre alla Polveriera Napoleonica di Contrada Garzoni, Jazz Soirée, introdotta alle 20 da una tavola rotonda con le autorità comunali di Palmanova, Dolegna del Collio e Cormòns per approfondire la conoscenza del percorso che porta un sito al riconoscimento di Patrimonio Unesco. Alla tavola rotonda saranno presenti anche rappresentanti dei comuni di Aquileia e Cividale, già patrimonio dell’umanità.

Concerto a cura dei Conservatori della regione
A concludere la giornata, alle 21, concerto a cura dei Conservatori della regione. Il Conservatorio di Musica ‘Giuseppe Tartini’ di Trieste si presenta con il trio ‘Shisha Pangma’, letteralmente la ‘vetta che sovrasta le pianure erbose’, imponente cima della catena dell'Himalaya. Un territorio sconosciuto tutto da esplorare, lontano dall'abitudine quotidiana, esattamente come l'interazione tra questi musicisti che si impegnano a rompere le consuetudini del trio, cercando di trasportare chi ascolta in paesaggi quasi extraterrestri con chitarra elettrica, effetti, sassofono e percussioni. Omaggerà il jazz anche il quartetto ‘Emanuele Filippi Quartet’ del Conservatorio di Musica ‘Jacopo Tomadini’ di Udine con il contributo del Circolo Culturale Controtempo. 

Gli eventi sono organizzati in partnership con I-Jazz. Parte delle donazioni ricevute durante gli eventi saranno devolute al progetto BOX3:36am che sostiene le popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto.

Info e contatti www.unescogiovani.it | friuliveneziagiulia@unescogiovani.it
L'evento verrà seguito sui social con gli hashtag #jazzday #unescogiovani #jazz4heritage.