24 giugno 2017
Aggiornato 16:00
A San Daniele

Limacorporate sperimenta lo smart working con 60 dipendenti

Il progetto prevede la possibilità di lavorare da 3 diversi domicili indicati nell’accordo individuale e dichiarati idonei dal lavoratore sia dal punto di vista della tutela della salute e sicurezza che del rispetto della privacy

Limacorporate sperimenta lo smart working con 60 dipendenti (© Confindustria)

SAN DANIELE - Limacorporate Spa, multinazionale nel settore dei Medical Devices con sede a Villanova di San Daniele del Friuli, crede fermamente nello smart working inteso quale modalità flessibile di esecuzione del rapporto di lavoro che porta l’attenzione sulla valutazione dei risultati del collaboratore e non verso le ore passate in ufficio. Lima in Smart Working (SW), questo il nome del progetto, è stato presentato alle RSU interne ed è partito ufficialmente a marzo 2017, con l’obiettivo di agevolare e migliorare la conciliazione tra i tempi della vita privata e lavorativa (work-life balance), ma soprattutto accrescere il senso di fiducia tra l’azienda e il collaboratore, puntando sul senso di responsabilità individuale e sulle opportunità offerte da questo nuova modalità di lavoro. Nel caso di Lima tale strumento rappresenta inoltre una risorsa importantissima nella fase di attrazione dei talenti ed in quella di retention dei collaboratori.

Il progetto prevede la possibilità di lavorare da 3 diversi domicili indicati nell’accordo individuale e dichiarati idonei dal lavoratore sia dal punto di vista della tutela della salute e sicurezza che del rispetto della privacy. Il lavoratore potrà prestare la propria attività lavorativa in modalità SW per massimo 5 giorni al mese, elevabili a 8 in casi eccezionali, evitando che la prestazione avvenga sempre durante lo stesso giorno della settimana. In questa fase sperimentale Lima in Smart Working sarà applicabile a circa 60 dipendenti che operano nei siti in Italia con l’obiettivo di poterlo estendere in maniera graduale anche al resto della popolazione aziendale che abbia un lavoro idoneo e compatibile con la modalità lavorativa dello smart working.

L’Azienda ha dotato tutti i collaboratori interessati della strumentazione necessaria, ovvero un computer portatile e un telefono cellulare con cui collegarsi alla rete aziendale ed ha effettuato un training in cui è stata presentata l’iniziativa, le coperture assicurative integrative attivate oltre che una specifica formazione sul corretto utilizzo della strumentazione assegnata, sulla salute e sicurezza e sulla privacy al termine del quale il lavoratore ha potuto ufficializzare la sua richiesta di far parte del progetto.
Lima ha fortemente voluto portare avanti l’implementazione di questo progetto che permette di gestire la flessibilità organizzativa in maniera moderna basando l’intero sistema sul concetto di fiducia, dando ai dipendenti maggiore autonomia e responsabilità e permettendo una evoluzione del classico rapporto tra datore di lavoro e dipendente, aumentando in tal modo la maturità e la consapevolezza di un nuovo modo di lavorare in cui non è necessario essere sempre presenti in ufficio. La risposta dei lavoratori a questa iniziativa è stata molto positiva sia per l’adesione, pressoché totale, sia per il riconoscimento della qualità della stessa che prevede strumenti di tutela del lavoratore ed amplifica il senso di fiducia.