Riforma degli enti locali

«GrandeUdine»: botta e risposta su Twitter tra Martines e Mazzaro

Il consigliere regionale risponde alle critiche del sindaco di Pagnacco dopo le dichiarazioni di Honsell

Il tweet che ha scatenato il botta e risposta tra Mazzaro e Martines (© )

UDINE - Le dichiarazioni rilasciate a Diario di Udine dal sindaco Furio Honsell diventano motivo di discussione tra il consigliere regionale Vincenzo Martines e il sindaco di Pagnacco Luca Mazzaro. Lo scambio di idee tra i due politici (il primo eletto tra le fila del Pd e già vicesindaco di Udine, il secondo alla guida di una civica di centrodestra) si consuma su Twitter,

Il primo a uscire allo scoperto è Mazzaro, scrivendo «senza regole precise non andiamo da nessuna parte. Non voglio fare un #saltonelbuio». Immediata la replica di Martines: «Spazi per darvi autonomamente regole adeguate ne avete». Una rassicurazione che non basta al sindaco di Pagnacco, che tweetta ancora una volta chiamando in causa la giunta regionale: «Paletti e statuti deve metterli la regione, #Pagnacco non può trattare alla pari con Ud». Secca la risposta del democratico: «Non è vero». Il botta e risposta riprende qualche ora dopo. Parte Mazzaro: «L'unica cosa vera è che avete fatto le cose troppo in fretta e senza ascoltarci». Risponde Martines: «Non voglio contraddirti su questo, ma avete strumenti nuovi, usateli, e io sono, per quel che vale, a disposizione». I toni diventano più distensivi e il sindaco di Pagnacco scrive: «Vale moltissimo, ma avviamo questo confronto al più presto». E aggiunge: «Strumenti che non ci danno libertà di azione. Vogliamo poter scegliere».

La discussione completa tra i due amministratori locali

La discussione completa tra i due amministratori locali (© )

Un tema particolarmente caldo quelle delle Unioni territoriali intercomunali, che divide sindaci e amministratori locali indipendentemente dalla loro appartenenza politica, destinato a farsi sempre più incandescente con l’approssimarsi della definizione dei confini delle Uti, atteso entro la metà di febbraio.