Il cantiere durerà 180 giorni. Prevista la chiusura di alcune strade

Avviati i lavori per la nuova rotonda in località Morena

Sarà realizzata dalla Provincia di Udine nell’ambito del Prusst per una spesa di 525 mila euro

L'incrocio semaforico in località Morena che sarà sostituito con una rotonda (© )

TRICESIMO – Sono iniziati i lavori per la realizzazione della terza rotonda sulla statale Tresemane nell’ambito del Prusst. La Provincia di Udine ha aperto il cantiere in località Morena, in prossimità dell’incrocio di Pittarello. Per questo via Michelangelo è stata chiusa al traffico veicolare, proprio per favorire la costruzione della rotatoria in sostituzione dell’impianto semaforico tra i Comuni di Tricesimo e Reana. Il traffico è deviato lungo via San Giorgio e poi via San Giuseppe, in Comune di Tricesimo, a nord del cantiere. Conclusa l’esecuzione delle opere principali su via Michelangelo, seguirà la chiusura su via Nanino (lato est della Pontebbana) e infine la regimazione del traffico a rotatoria. La Provincia informa che la transitabilità sulla Pontebbana/Tresemane sarà garantita per tutta la durata dei lavori.

Dopo la rotonda della Casa rossa, nei pressi di Tavagnacco, e quella di Molin Nuovo, alle porte di Udine (zona Là di Moret) la Pontebbana è nuovamente protagonista di un’opera pubblica, pensata per garantire una maggiore sicurezza agli automobilisti e una migliore scorrevolezza del traffico. La rotatoria, che sarà realizzata in 180 giorni di lavoro, avrà un diametro di 50 metri, l’illuminazione sarà a led in sintonia con gli interventi già realizzati sulla Tresemane/Pontebbana. Sono previste opere di demolizione necessarie alla successiva costruzione  della rotatoria oltre alla realizzazione di marciapiedi e al  rinnovo delle aree di fermata degli autobus.

L’intervento, portato avanti dalla ditta Fratelli Gaiardo di Gonars, avrà un costo di 525 mila euro. Come detto si inserisce nell’ambito del Prusst 8.2 (Programma di riqualificazione urbana e di sviluppo sostenibile di Udine, Tavagnacco, Reana del Rojale e Tricesimo). Un progetto messo a punto oltre un decennio fa dalla Provincia (con fondi statali e regionali) per ottimizzare il flusso veicolare attraverso l'eliminazione degli incroci semaforici, grazie a un investimento che, complessivamente, sfiora i 4 milioni di euro.