Si rischiano aumenti tra i 250 ei 400 euro per le famiglie

Calano del 15-20% le vendite di pellet in Friuli

Il dato reso noto da Pietro Cosatti, capogruppo “Articoli tecnici vari” di Confcommercio Udine

Pietro Cosatti, capogruppo “Articoli tecnici vari” di Confcommercio Udine (© )

UDINE - Era prevedibile che il provvedimento governativo di ritocco dell’aliquota Iva sul settore dal 10% al 22% avrebbe determinato un immediato contraccolpo, ma i primi dati del 2015 vanno oltre le peggiori previsioni per le aziende che trattano il pellet. «Le vendite in provincia hanno subito una contrazione che può essere stimata tra il 15% e il 20%», fa sapere Pietro Cosatti, capogruppo «Articoli tecnici vari» di Confcommercio Udine. Un dato evidentemente preoccupante in tempi di crisi, ma che si aggiunge alla forte penalizzazione anche per il cittadino. «In Italia – spiega Cosatti – sono oltre 2 milioni le famiglie che utilizzano i pellet come combustibile per il riscaldamento proprio perché il loro costo, a parità di potere calorico, è inferiore di circa il 25% a quello del gas metano. Se dunque l’aumento dell’Iva non sarà corretto, l’aggravio di spesa per il riscaldamento sarà di circa 250/400 euro all’anno a famiglia, il che renderà meno conveniente l’installazione di nuove termostufe a pellet».

E invece, ricorda ancora Cosatti, c’è più di un motivo per sollecitare la diffusione del sistema: «L’utilizzo del pellet favorisce la non  dipendenza da gas e petrolio provenienti dall’estero, perché dunque frenarlo? E non dimentichiamo che il lavoro per la produzione di questo prodotto è fatto in gran parte in Italia, che gli scarti vengono eliminati o anche riutilizzati con soluzioni non impattanti sull’ambiente, che le stufe a pellet hanno rendimento elevato e sono a bassissima emissione inquinante». L’aumento dell’Iva, dunque, «è una scelta decisamente poco «green»».

Supplemento alla testata giornalistica «Diario del FVG» registrata presso il Tribunale di Udine n. 11/2016 del 14/08/2016