22 novembre 2019
Aggiornato 03:00
21 e 22 marzo

Alla scoperta delle bellezze storico-artistiche con «Le Giornate FAI di Primavera»

Udine e provincia aprono i siti più importanti e generalmente interdetti al pubblico. Guide speciali per l'occasione gli studenti delle scuole superiori

UDINE - Fa capolino il nuovo equinozio di primavera e per festeggiare la nuova stagione - identificata come momento di rinnovamento, avvento della vita, rinascita della natura e fertilità - il FAI rinnova l'appuntamento con "Le Giornate di Primavera" (sabato 21 e domenica 22). L’evento più importante organizzato Fondo Ambiente Italiano permette a tutti l'accesso, gratuito, a luoghi altrimenti non visitabili. Anche in città e in provincia si spalancheranno le porte di moltissimi tesori d’arte e natura.

PIAZZA PRIMO MAGGIO E I SUOI PALAZZI - Quest'anno i riflettori saranno accesi su Giardin Grande e sui molti edifici storici che si affacciano sulla piazza. Luogo simbolo della città, di recente è stato valorizzato dall'amministrazione comunale che ha scelto di rinforzarne l'asse pedonale. Nell'antico acquitrino, divenuto spazio verde a cavallo tra il 1800 e il 1900, sarà allestito un punto informazioni: disponibili volantini, orari e tutte le indicazioni per i siti dislocati su tutta la provincia (disponibili anche qui). Tutti i luoghi saranno raccontati da guide d'eccellenza, gli "apprendisti Ciceroni": giovani studenti (circa 400) delle scuole superiori di città e provincia che, per l'occasione, accompagneranno gli ospiti in un viaggio fra storia e arte. Ma torniamo a piazza Primo Maggio. Molti i palazzi storici aperti a tutti i curiosi: lo Studio Valle (piazza I° Maggio, 13), casa Biasutti (viale della Vittoria, 1), l'Istituto d'Arte "G. Sello" (piazza I° Maggio, 12), il rifugio antiaereo (sotto il colle del Castello di Udine) dove sarà anche allestita una mostra fotografica a cura dell’archivio di Stato, il Palazzo Cappellani (Piazza I° Maggio, 37) nel quale ci saranno degli spazi musicali e un omaggio letterario alla bellezza dell'Ambiente, il palazzo Generale Cantore (piazza I° Maggio, 27), il liceo Classico Stellini (piazza I° Maggio, 26), il palazzo Antonini - ex Banca d’Italia - (via Gemona, 14) anche qui saranno offerti momenti musicali oltre alla visita guidata. Tutti gli spazi saranno aperti nelle giornate di sabato e di domenica dalle 10 alle 17.30. Ma non finisce qui. Per l'occasione a disposizione del pubblico anche la Basilica Beata Vergine delle Grazie, sempre in piazza I° Maggio, che sarà aperta sabato dalle 13 alle 17.30 e domenica dalle 14 alle 17.30. Per "Le Giornate FAI di Primavera" è inoltre stata allestita una mostra fotografica curata dal liceo scientifico Marinelli, visitabile alla casa della Confraternita, al Castello di Udine, (inaugurazione venerdì 20, ore 11) sabato 21 dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.30,  domenica 22 dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.30.

VILLALTA, MORUZZO E NON SOLO - Nel fine settimana è stata organizzata una passeggiata (in collaborazione con il Cai di Udine) tra storia medioevale e natura. Un percorso che inizia dal castello di Villalta, fra i più belli del Friuli. Il viaggio prosegue alle torbiere di Borgo Pegoraro, per poi dirigersi verso il castello di Moruzzo, quello di Brazzà, e in direzione del lavatoio alla sorgente del Lavia. Non mancherà una puntata alla splendida collina di Santa Margherita del Gruagno, quindi un’occhiata al vicino forte costruito in previsione della Grande Guerra, e una passeggiata lungo collina di Telezae. Attraversato il caratteristico borgo di Lavia e superato il colle Stringher è previsto il rientro al castello di Villalta. (per informazioni Renzo Paganello 36618588439)

PASSEGGIANDO A CIVIDALE - Per l'occasione, oltre a essere a un percorso sull'anniversario della Grande Guerra, sarà aperto (dalle 10 alle 18) anche il Convitto Nazionale Paolo Diacono, in piazzetta Chiarottini, 8. Previsti anche due eventi collaterali: sabato 21, alle 16 un concerto del Coro Giovanile del CAI di Cividale "Cime Bianche"; domenica 22, alle 16, un concerto del Coro del CAI di Cividale "Renzo Basaldella".

NELLA CITTÁ STELLATA - A Palmanova aperto il palazzo del Provveditore delle Armi, in piazza Grande, 21 dove sono in programma visite guidate dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Appuntamento anche a palazzo Mauroner, in piazza Caimo, nella frazione di Tissano, qui è stata allestita una mostra di incisioni dedicata a Fabio Mauroner. Infine sarà a disposizione di tutti anche la chiesetta Campestre di San Giuseppe, nella frazione di Santo Stefano (dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18).