Dal 29 maggio al 7 giugno

“Energie” sarà il tema del Festival Internazionale di street "Elementi Sotterranei"

La manifestazione porterà a Gemona del Friuli writers provenienti da tutto il mondo, chiamati a esprimersi e coprire per questa sua X edizione ben 2.000 metri quadri di muri. Le anteprime della rassegna il 26 aprile, dall'1 al 3 maggio

A maggio il Festival Internazionale di street "Elementi Sotterranei" (© )

GEMONA DEL FRIULI - Edizione X per «Elementi Sotterranei», il festival internazionale di street art che dal 29 maggio al 7 giugno 2015 si avvarrà della bravura di writers che arriveranno da ogni parte del mondo per riqualificare e abbellire con le loro opere Gemona del Friuli, una città ricostruita con il cemento dopo la devastazione del terremoto del ’76.

L'ORGANIZZAZIONE E L'OSPITALITÁ - Grazie all'associazione culturale di promozione sociale "Bravi Ragazzi" che la organizza, Gemona è diventata un museo a cielo aperto riconosciuto a livello internazionale da tutti gli artisti di arte urbana. Questi ultimi si fanno a loro volta portavoce per altri artisti creando un passaparola e una rete tangibile che con questa decima edizione, avrà portato nella città a ridosso delle Prealpi Giulie 142 artisti, grazie anche all'accoglienza degli abitanti di Gemona che li ospitano gratuitamente nelle loro case.

WRITERS AL LAVORO DA TUTTO IL MONDO - Nelle ultime nove edizioni del festival, sono passati a Gemona artisti internazionali da Spagna, Olanda, Germania, Svezia, Brasile, Bulgaria, Inghilterra, Francia, Portogallo, Svizzera e Italia, del calibro di Loomit, Belin, Dms, TelmoMiel, Macs, Ecb, Peeta, Erase e molti altri, inclusi numerosi emergenti, per un totale di 5.000 metri quadrati di graffiti. Per festeggiare la decima edizione, i writers al lavoro dal 29 maggio al 7 giugno saranno 60 e la superficie da dipingere di 2.000 metri quadrati. Gli artisti – tra cui due donne, D.Ninja dal Brasile e Yu-Baba dalla Bielorussia – arriveranno da tutta Italia con una buona rappresentanza del Friuli Venezia Giulia, dalla Bulgaria, dalla Spagna, dalla Slovenia, dal Brasile, dalla Bielorussia, dalla Croazia, dalla Germania, dalla Polonia, dall’Olanda e dal Perù. Solo per fare alcuni nomi: Corn79 e Vesod di Torino, Robert Proch e Sepe dalla Polonia, Telmo Miel dall’Olanda e Does dal Brasile; inoltre lo spagnolo Malakkai, direttore artistico della scorsa edizione. Per tanti sarà la prima volta a Gemona, altri sono ormai degli affezionati frequentatori di "Elementi Sotterranei".

IL TEMA DELLA X EDIZIONE - Ogni anno il festival propone un tema d’attualità, sociale o ambientale, su cui poi gli artisti sono chiamati a lavorare: "Elementi Sotterranei" X è dedicato a "Energie». Con questo filo conduttore, i "Bravi Ragazzi" vogliono stimolare la riflessione su come l’essere umano usi e trasformi le diverse risorse in suo possesso, in ambito ambientale, tecnologico e sociale, per lo sviluppo del pianeta, del proprio status e delle relazioni interpersonali. L’obiettivo è creare occasioni di confronto e dibattito attraverso conferenze, laboratori e il writing. Energie, inoltre, sintetizza e racchiude tutte le tematiche percorse durante dieci anni di lavoro, che sono state l'acqua, la terra, diritti umani, sviluppo sostenibile, il riciclo, le generazioni, la sovranità alimentare. Il tema è ampio per lasciare ancora più libero sfogo ai gruppi di artisti. «Energie» racchiude anche le tematiche che ai "Bravi Ragazzi" stanno a cuore: si tratta di indagare il modo di rapportarsi con il paesaggio e il territorio in simbiosi all'energia stessa sprigionata dall'atto artistico. L’idea è nata guardando l'impatto che i graffiti hanno sull’ambiente, naturale e culturale, e sul territorio, intesa come la forza data dall'energia per creare identità al luogo.

EVENTI COLLATERALI - In parallelo al lavoro dei writers professionisti, anche in questa edizione di "Elementi Sotterranei", saranno proposte attività di vario genere per incoraggiare nuove riflessioni sul tema e coinvolgere il maggior numero di persone di ogni età. Ci saranno laboratori didattici e creativi per bambini, workshop di graffiti e di pittura, proiezioni, concerti, incontri e tante altre iniziative culturali, promosse in collaborazione con le associazioni del territorio.

L'ANTEPRIMA DEL 26 APRILE - Un’occasione per ammirare le opere realizzate negli ultimi anni, sarà l’anticipazione di domenica 26 aprile con #InvasioniDigitali, una giornata organizzata dall’Ufficio Turistico e Comune di Gemona del Friuli in collaborazione con l'Associazione "Bravi Ragazzi». Alle 10, Normal Invasion, con ritrovo in Piazza Antonio Comelli; e nel pomeriggio alle 17, Invasione a 4zampe, con ritrovo sempre in Piazza Antonio Comelli anche con gli amici animali, in compagnia del Dog Walker Club (Asd Lupo Nero - Centro Cinofilo Lupo Nero). Il personale ufficio IAT accoglierà gli invasori digitali, distribuendo loro la mappa dei murales e la bandana di partecipazione e chiede a tutti di venire a invadere «armati» di un qualsiasi dispositivo di comunicazione che possa diffondere online la bellezza dei murales e l’unicità di Gemona nell’ospitare questa forma artistica.

ALTRE ANTEPRIME DALL'1 AL 3 MAGGIO - Si continua con le anteprime dal 1° al 3 maggio con "Station", durante la quale cinque artisti – Bonzai (Londra), Soda (Londra), Boost (Milano), Scarpa e Kerotoo (Gemona del Friuli) – dipingeranno i muri del sottopassaggio pedonale interno alla stazione di Via Roma che collega le banchine dei binari. Tre giornate per vedere all’opera gli artisti in ogni fase di realizzazione dei murales. E dal pomeriggio del 2 maggio, all’interno della sagra di Campagnola a Gemona, appuntamento con i laboratori didattici e la musica dei Ragazzi del Commissariato e, alla sera, concerto degli Ipercussonici.

Una delle edizioni precedenti di

Una delle edizioni precedenti di "Elementi Sotterranei" (© )