Trasporto passeggeri

Nel 2015 migliora la puntualità dei treni in Fvg

Per una volta, a comunicare i dati, non sono i pendolari ma la Regione. «Il riscontro dei numeri ci conferma un'inversione di tendenza nell'andamento del servizio», commenta l’assessore Santoro

Buone notizie per i pendolari Fvg (© )

UDINE – Per una volta non sono i pendolari a ‘dare i numeri’, ma direttamente Trenitalia attraverso la Regione Fvg. Forse perché dopo mesi di patemi, finalmente, si assiste a un’inversione di tendenza, con il servizio su rotaia che pare aver imboccato la strada giusta. Quella destinata a migliorare le condizioni di viaggio di migliaia di pendolari, soprattutto per quanto riguarda la puntualità dei convogli.

I dati di Trenitalia sulla puntualità dei treni
Il primo riscontro positivo riguarda l'indice di puntualità per ritardi fino a un massimo di 5 minuti che è in crescita su tutti e tre i primi mesi dell'anno: 90,9 a gennaio (89,2 nello stesso mese del 2014), 90,3 a febbraio (88,8 nel 2014) e 94,3 a marzo (92,3 nel 2014). Positivo anche l'andamento dell'indice di puntualità per ritardi entro i 15 minuti: quasi in linea con il 2014 il mese di gennaio che riscontra un indice di puntualità di 97,7 (contro il 98 del 2014); nettamente in crescita gli indici di febbraio con 97,1 (contro 96,7 del 2014) e con 98,3 (contro il 97 del 2014).
La puntualità migliora sulla linea Trieste-Gorizia- Udine sia per i ritardi entro 5 minuti (92,46 a marzo 205 contro 87,3 del 2014) che per i ritardi entro 15 minuti (97,36 contro il 96,75 del 2014); sulla linea Udine-Venezia (95,86 a marzo 2015 contro 88,24 dell'anno precedente per ritardi entro 5 minuti e 98,39 contro 96,72 per ritardi entro i 15 minuti); sulla linea Trieste-Cervignano-Udine-Tarvisio (92,11 nel marzo 2015 contro 85,42 del 2014 per ritardi entro i 5 minuti e 98,13 a marzo 2015 contro 95,92 dell'anno precedente per ritardi entro i 15 minuti).

Il commento dell’assessore Santoro
«Il primo trimestre del 2015 registra un netto miglioramento della puntualità dei treni regionali rispetto allo stesso periodo del 2014. Il riscontro dei dati ci conferma un'inversione di tendenza nell'andamento del servizio». L'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Mariagrazia Santoro ha commentato così i dati forniti dalla direzione regionale di Trenitalia sull'andamento del servizio di trasporto ferroviario nel primo trimestre.
«Il miglioramento percepibile è frutto anche dei numerosi confronti avuti con la nuova direzione di Trenitalia – ha osservato Santoro - in particolare con il direttore della divisione Passeggeri nazionale Orazio Iacono, che ringrazio per aver accolto le richieste nostre e dei pendolari. Il monitoraggio proseguirà mese per mese, ma già questi primi dati ci confortano sulla possibilità di elevare stabilmente, con l'arrivo del nuovo materiale, la qualità del servizio». La vera svolta, per i pendolari, sarà la messa in funzione dei treni Caf, attesi da più di tre anni e prevista per la metà di giugno.