L’investimento è di 740 mila euro

Nuovo tratto di ciclabile tra piazzale Osoppo e Molin Nuovo

Il percorso si collegherà con il già esistente itinerario intercomunale delle rogge, che porta fino a Zompitta di Reana del Rojale per oltre 10 chilometri. Si interverrà anche per la messa in sicurezza di via Biella e degli incroci di via Alba e via Rizzolo

Nuova pista ciclabile tra piazzale Osoppo e Molin Nuovo (© )

UDINE – In bicicletta da piazzale Osoppo a Molin Nuovo e poi, da lì, fino a Zompitta di Reana, lungo il percorso delle rogge. Entro l'anno questo itinerario diventerà realtà con la realizzazione di una nuova bretella ciclopedonale che congiungerà Paderno a Molin Nuovo e, da qui, alla ciclabile delle rogge dei comuni di Tavagnacco e Reana del Rojale. Con la consegna ufficiale dei lavori, avvenuta lunedì 13 aprile, è ufficialmente partita la realizzazione del percorso ciclabile compreso tra la scuola media Marconi di Paderno e via Cividina (all’altezza con l’incrocio di via Molin Nuovo, al confine con il comune di Tavagnacco). L'opera, che costerà complessivamente 740 mila euro e sarà finanziata per un terzo dai proventi della lottizzazione dell’area Terminal Nord, si innesterà in un itinerario più esteso e ispirato alla valorizzazione delle rogge cittadine.

La soddisfazione del sindaco Honsell e dell’assessore Pizza
«Siamo lieti di poter finalmente far partire un’opera importante per la viabilità cittadina e per la sicurezza stradale – sottolinea il sindaco di Udine, Furio Honsell –, ferma da tempo a causa dei vincoli imposti dal patto di stabilità. Un intervento che consentirà di realizzare un collegamento ciclabile che unirà Udine, Tavagnacco e Reana». Un nuovo tratto di circa due chilometri che, partendo da piazzale Osoppo e collegandosi al percorso già completato in viale Volontari della Libertà e viale Vat, realizzerà uno snodo cittadino di quattro chilometri, connettendosi a quello già esistente fino a Zompitta di Reana del Rojale, lungo oltre 10 chilometri. Sulla base del bando di gara l'intervento dovrebbe essere completato entro l'anno.
«Facciamo finalmente partire un progetto fermo da tre anni a causa del patto di stabilità che ha tenuto bloccata un'opera molto sentita dai residenti – spiega l’assessore alla Mobilità e all'Ambiente, Enrico Pizza –. Dopo la sistemazione della piazza di Paderno in porfido stampato, la prima nella nostra regione, quest'opera va a riqualificare un intero quartiere della città e rappresenta per me la realizzazione di un impegno preso nel primo mandato del sindaco Honsell.  Questo progetto è anche un'opportunità per intervenire su alcune criticità, in particolare in via Biella, con la realizzazione di un marciapiede finora inesistente, ma anche in via Alba e via Rizzolo».

Il punto nero di via Biella
L'intervento  di messa in sicurezza dell'incrocio via Fusine/via Biella, promosso anche dal delegato di quartiere, Michele Vicario, è già stato parzialmente anticipato e integrato nel progetto della pista ciclabile con la realizzazione di un dosso dissuasore che ha lo scopo di rallentare i veicoli in transito su via Biella. Sulla base delle caratteristiche delle strade interessate dalle opere, il progetto prevede diversi livelli di intervento. In via Torino la ristretta sezione stradale consentirà comunque l'allargamento del marciapiede esistente, per la realizzazione di un percorso ciclopedonale protetto. In via Alba e via Fusine saranno realizzate due piccole rotonde con l’obiettivo di rallentare e ordinare il traffico mettendo in sicurezza gli accessi e i percorsi ciclopedonali. Per quanto riguarda via Biella, attualmente priva di marciapiedi, è prevista la costruzione di un percorso ciclo pedonale protetto lungo il lato ovest.

Il nuovo tratto di ciclabile
L’itinerario ciclabile costeggerà poi anche il tratto lungo la roggia, prima di entrare in via Molin Nuovo. L’intervento sarà completato anche dalla riqualificazione dell’impianto di illuminazione stradale, con l’obiettivo di ottimizzare i costi di manutenzione e di migliorare la sicurezza stradale e il risparmio energetico. In particolare in via Biella è previsto il completo rifacimento dell’illuminazione pubblica, con l’impiego del Led anche lungo il tratto di pista ciclabile.