Calcio | Serie A

Udinese: la vittoria sul Milan rivitalizza una squadra che sembrava persa

Il ritorno al successo per gli uomini di Stramaccioni vale molto per il morale ed il carattere della squadra friulana più che per l’ormai anonima classifica

UDINE - Troppo brutta per essere vera l’Udinese dell’ultimo mese, eppure quella è stata, una squadra molle e superficiale, battuta a Parma dall’ultima in classifica e travolta in casa da un Palermo già in vacanza. Lo stesso pareggio in casa del Chievo domenica scorsa non aveva di certo rinvigorito nessuno, ma almeno aveva mosso la classifica e restituito un po’ di tranquillità alla truppa di Andrea Stramaccioni, tecnico che era tornato sulla graticola, con i nomi di Di Francesco e Colantuono che aleggiavano come corvi sulla testa dell’allenatore romano. Il successo di sabato pomeriggio contro il disastrato e disastroso Milan, invece, ha ridato un’immagine di serenità e compattezza di un gruppo che, conscio che la salvezza non potesse più scappare, ha affrontato la gara contro i milanisti con l’animo libero e la tranquillità mostrata ad inizio stagione.

SINGOLI - Sulle desolanti macerie rossonere hanno passeggiato in particolar modo un Di Natale sontuoso a cui è mancato solo il gol, un Badu tutto dinamismo e tenacia che ha raccolto i frutti del suo instancabile lavoro con la rete del provvisorio 2-0, ed un Allan in formato mondiale, atteso da una prosecuzione di carriera ad altissimi livelli e con maglie assai prestigiose sulle spalle. Il test contro il Milan era tutt’altro che probante, ma l’Udinese, rispetto ad esempio alla scialba prestazione di Parma, ha messo in mostra concentrazione e voglia di portare a casa il successo ed ora vuole chiudere la stagione in crescendo, dimostrando che le vacanze in Friuli non cominceranno prima del prossimo 31 maggio. Nel turno infrasettimanale di questa settimana altra gara casalinga contro l’altra milanese, l’occasione giusta per mettere in mostra lo stesso carattere visto contro i rossoneri e la loro triste maglia giallina.