22 novembre 2019
Aggiornato 07:00
Confine colabrodo

Emergenza immigrazione: arrestati tre passeur con nove afghani a Tarvisio

Ricominciano i flussi di clandestini attraverso l'ex valico di Coccau. Impegno giornaliero per gli uomini dell'Arma, che dall'inizio dell'anno hanno fermato centinaia di disperati

TARVISIO - Tre cittadini ungheresi di 30, 40 e 41 anni sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Tarvisio con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina di nove profughi afghani, di cui due minorenni. I militari dell'Arma, nella mattinata di lunedì, hanno fermato nei pressi dello svincolo di Tarvisio Nord, sulla A23, un'auto con targa tedesca, con due cittadini magiari a bordo. Pochi minuti dopo è giunto un furgone con targa ungherese, condotto da un loro connazionale. All'interno del veicolo, i nove afghani. E' stato proprio il sopraggiungere del secondo mezzo a insospettire i carabinieri e a far scattare i controlli.

I tre sono stati trasportati al carcere di Udine a disposizione dell'autorità giudiziaria. I nove afgani che hanno dichiarato di volere chiedere asilo, invece, sono stati denunciati, a loro volta, per ingresso illegale nel territorio nazionale. Sono stati assistiti e rifocillati nei locali della caserma dal personale della Caritas e nei loro confronti verrà successivamente avviato l’iter per il riconoscimento dello status di rifugiato politico.
I due minori che facevano parte del gruppo, infine, sono stati trasportati in una struttura di accoglienza.