12 dicembre 2019
Aggiornato 07:30
Dal 26 al 29 giugno

«Aria di Friuli Venezia Giulia»: carrellata di big in scena a San Daniele

Un calendario ricco di eventi per lo storico appuntamento enogastronomico e culturale che promuove i valori di un affascinante territorio. Tanta musica con i concerti di Bob Dylan, Vinicio Capossela e Caparezza e, per i più giovani, Lodovica Comello della serie tv “Violetta”. In programma anche i reading di Saviano, Ammaniti, Accorsi.

UDINE – È ufficiale. Dal 26 al 29 giugno San Daniele del Friuli ospiterà una nuova edizione di «Aria di Festa» che quest’anno, in occasione dell’Expo Milano, diverrà «Aria di Friuli Venezia Giulia». La kermesse rientra infatti nell’ambito di un ampio progetto promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Conferenza delle Regioni che ha lo scopo di far conoscere da vicino le eccellenze agroalimentari, culturali e artistiche italiane.  Quale migliore occasione se non l’annuale appuntamento nella terra del prosciutto?

Un viaggio esperienziale
Clima, sapori, arte e storia, ma anche stile di vita e cultura, convivialità e ospitalità. Sono queste le parole chiave su cui è costruito il racconto di eccellenza del prosciutto di San Daniele. Il rapporto a doppio filo che lega questo prodotto tipico con il suo territorio è radicato in un ecosistema ambientale e climatico che è unico e irripetibile. Cavalcando i temi cruciali dell'Esposizione Universale, come nutrizione e sicurezza alimentare, la manifestazione si propone come un viaggio esperienziale alla scoperta dei luoghi di produzione del prosciutto di San Daniele, del patrimonio culturale e paesaggistico, nonché delle tradizioni della regione Fvg.

In mostra le potenzialità e le ricchezze della regione
Anche per l’edizione 2015 gli organizzatori hanno scelto di mantenere la formula di successo che ha contraddistinto la manifestazione nei suoi oltre trent'anni di storia: il centro cittadino diverrà una grande sala di degustazione, con un’enoteca dei migliori vini regionali, e aprirà ai visitatori le porte dei prosciuttifici per accompagnarli in visite guidate che consentiranno di entrare in contatto diretto con gli unici luoghi dove avviene la produzione di questa eccellenza italiana, assaporandone le peculiarità con tutti i sensi. Un bacino sempre più vasto di pubblico - proprio grazie a Expo Milano - potrà così apprezzare le potenzialità e le ricchezze della regione. In questo contesto non mancheranno altre novità. Sono previsti infatti itinerari turistici a piedi o in biciletta, degustazioni guidate e gratuite alla scoperta dei segreti del San Daniele con assaggi, istruzioni per l’uso e un ciclo di mini corsi di cucina a cura de "La Scuola de La Cucina Italiana".

La grande musica marchiata San Daniele
Ma «Aria di Friuli Venezia Giulia» non sarà solo enogastronomia! La quattro-giorni sandanielese - attorno alla quale ruoteranno le attività di altri 12 comuni come Gemona del Friuli, Ragogna, Fagagna, Udine, Spilimbergo, Codroipo, San Giorgio della Richinvelda, Valvasone-Arzene, Maniago, Corno di Rosazzo, Cividale del Friuli e Aquileia - propone un calendario invidiabile con ospiti internazionali. Il 26 giugno si aprirà con il concerto gratuito di Lodovica Comello (la Francesca di «Violetta») in piazza Duomo. Sempre venerdì concerto anche per Vinicio Capossela che - insieme con La Banda della Posta, Cicc’ Bennett, i Cumversazionevoli e altri ospiti  - ha studiato un evento musicale appositamente per la manifestazione. Si proseguirà il 27 giugno con Bob Dylan, celebre cantautore statunitense che a San Daniele del Friuli aprirà il suo tour italiano. Ancora musica anche domenica 28 giugno con Caparezza e il suo «Museica Tour». In  programma anche un contest di band emergenti.

Ampio il parterre di giornalisti, scrittori e artisti
Giornalisti e scrittori. Esponenti di rilievo del mondo della cultura e dello spettacolo. Ospiti di «Aria di Friuli Venezia Giulia» anche nomi del calibro di Saviano, Odifreddi, Crepet, Augias, Lerner, Baricco, Daverio, Manfredi, Corona, Ammaniti; Katia Ricciarelli e Stefano Accorsi.
A completare l’offerta culturale della manifestazione «Lucifer – E quindi, uscimmo a riveder le stelle»: installazione di 21 opere d’arte realizzate da creativi del territorio - che reinterpreteranno alcuni Canti dell’Inferno dantesco - e distribuite in spazi aperti, privati e pubblici, situati nel percorso che si snoda lungo il colle di San Daniele (in mostra fino alla fine di settembre).