3 aprile 2020
Aggiornato 20:30
Arte

“Visioni Urbane” rifà il look a Casa Cavazzini e al centro storico di Udine

I writers, che si sono aggiudicati una residenza artistica, dipingeranno su pannelli in pvc che resteranno esposti per i prossimi tre mesi. Il progetto culminerà poi nei mesi estivi, ma nuovi incontri e conferenze sono in programma anche in autunno

UDINE - Casa Cavazzini e il centro storico di Udine si trasformano in una galleria d'arte a cielo aperto per accogliere alcuni tra i più importanti artisti internazionali del writing e della street-art. Si presenta così «Visioni Urbane», nuovo progetto del Comune di Udine, finanziato dalla Regione, per valorizzare e decorare alcuni luoghi della città dando spazio alla creatività urbana.

Un nuovo volto per Casa Cavazzini 
A partire da lunedì 25 maggio il capoluogo friulano ospiterà cinque artisti di calibro internazionale che per cinque giorni si cimenteranno nella creazione di opere di arte urbana, ma anche lavori su tela e carta, destinati ad arricchire la collezione del museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Casa Cavazzini. Gli artisti selezionati saranno impegnati a dare una nuova immagine a Casa Cavazzini, dipingendo dal vivo sui pannelli in pvc fissati sulle facciate esterne di via Savorgnana. Le opere decoreranno le pareti esterne del museo per i prossimi tre mesi. A conclusione di questa prima intensa esperienza, sabato 30 maggio dalle 9.30 alle 12.30, Casa Cavazzini ospiterà il seminario di approfondimento «Prospettive e criticità della Street-art». L'incontro, che ripercorrerà l’evoluzione storica del writing e creatività urbana, vedrà intervenire, grazie alla collaborazione di Inward, l’osservatorio internazionale sulla Creatività Urbana, importanti esperti del settore, come Riccardo Lanfranco, Francesco Terzago e il portoghese Pedro Soares Neves.

Udine entrerà nel panorama dell’arte urbana che sta fiorendo a livello mondiale
Il progetto culminerà poi nei mesi estivi, quando le associazioni Macross e Bravi Ragazzi cureranno la realizzazione di grandi interventi artistici preceduti da incontri con le comunità dei quartieri coinvolti, al fine di raccogliere idee e spunti utili all’elaborazione delle opere. La necessità di instaurare un rapporto tra artista e comunità consentirà di realizzare un’operazione legittimata, che rispecchi il sentire dei residenti e rispetti la storia del luogo. Tutti i muri interessati dagli interventi di decorazione sono di proprietà dell’Ater, che ha aderito alla partnership condividendo la finalità del progetto di miglioramento urbano dei luoghi di vita. Queste operazioni di riqualificazione vogliono anche collocare Udine nel panorama dell’arte urbana, che sta fiorendo a livello mondiale. Sempre nel corso dell'estate, inoltre, grazie al coinvolgimento di artisti del Friuli Venezia Giulia, saranno realizzate particolari opere di pittura su vetro in collaborazione con l’associazione Udineidea, partner del progetto. Questa iniziativa, chiamata «White lines» cambierà il volto di alcune vetrine portando la street-art in pieno centro storico e trasformandolo in una grande galleria d'arte all'aperto.

Una mostra finale a Casa Cavazzini chiuderà il progetto
In autunno, infine, sono in programma nuovi incontri e conferenze, un workshop di graffiti/street-art dedicato ai giovani e un laboratorio che offrirà a ragazzi e ragazze dai 14 ai 17 anni la possibilità sia di scoprire i riferimenti culturali, storici e legislativi del movimento del writing, sia di agire e sperimentarsi elaborando la decorazione di un muro nell’arco di quattro lezioni. Per iniziativa della biblioteca civica «V. Joppi», inoltre, alle scuole secondarie di secondo grado di Udine sarà offerto un percorso di avvicinamento al tema dell’arte urbana e la realizzazione di un laboratorio per produrre un evento a tema. Una mostra finale a Casa Cavazzini chiuderà il progetto: saranno esposti bozzetti, lavori preparatori, opere degli artisti invitati alla residenza, documentazione fotografica e video delle opere murali, restituendo alla cittadinanza le tappe principali del percorso progettuale.