Sala la febbre al Friuli

Già venduti 4.500 abbonamenti: vero e proprio boom online

Parte a gonfie vele la campagna in vista della nuova stagione. I tifosi stanno dimostrando di apprezzare le potenzialità offerte dal nuovo stadio. La società spegne sul nascere la polemica sui Distinti

Uno scorcio del nuovo Friuli (© )

UDINE - Procede a gonfie vele la vendita degli abbonamenti per la stagione 2015/2016 con ottime performance sia agli sportelli dell'Udinese Point che online. I tifosi si stanno distribuendo tra Curva Nord e Distinti, i due settori del nuovo stadio disponibili già dall'inizio del campionato.
Alle 19 del 9 luglio 2015, gli abbonamenti venduti sono già 4.500. Di questi, 2.200 (1.200 Tribuna, 700 Family e 300 New Generation) sono stati venduti durante la prima fase, durante la era possibile confermare in prelazione il posto in Tribuna Ovest.
Nella sola giornata di giovedì, sono stati venduti 2.300 abbonamenti di cui 1.400 on line e 900 alll'Udinese Point. Il dato su base giornaliera è destinato a crescere considerando che l'online è sempre aperto, 24 ore su 24. E' evidente che l'appello a rivolgersi al canale di vendita telematico (www.listicket.com) è stato raccolto dai tifosi.  

A fronte di una gran quantità di commenti favorevoli sulla campagna, su come è stata strutturata, c'è una parte dei supporters  che sta contestando un presunto disservizio relativo all'impossibilità di acquistare determinati posti del settore dei Distinti. Al tal proposito, Udinese Calcio precisa: « La Campagna abbonamenti è stata impostata in maniera da accontentare tutti. E' stata mantenuta la promessa di garantire un posto nel nuovo stadio ai 18.000 vecchi abbonati delle quattro stagioni precedenti. I  prezzi dei nostri abbonamenti sono tra i più bassi d'Italia, anche per chi acquista senza alcuna promozione. Proprio nello spirito di accontentare tutti – si precisa – Udinese Calcio ha deciso di trattenere alcuni posti del settore Distinti per la vendita libera, tenendo presente che ci sono anche tifosi che per ragioni varie non possono o non vogliono abbonarsi. Quel che non si comprende di questa polemica è il voler evidenziare un disagio che è assolutamente inesistente, essendo tutti gli altri posti dei distinti di ottima qualità per comodità, visione del campo e servizi offerti. Il Nuovo Stadio è stato pensato per offrire a tutti, a parità di settore scelto, le medesime condizioni».