Si prospetta un incremento del 15% della produzione

Vendemmia, Colli Orientali: l’annata perfetta del Sauvignon

Stagione ottima anche per il Pignolo, nonostante le temperature eccezionali di luglio. Gigante: «Ma i nostri occhi sono sempre più puntati sul mercato e sulle preferenze dei consumatori»

Grandi aspettative per la vendemmia 2015 (© )

CORNO DI ROSAZZO - Ottima salubrità delle uve, gradazioni alcoliche nella media, pH interessanti e un leggero aumento di produzione (+12-15%) rispetto al 2014. Sono le caratteristiche principali della vendemmia 2015, fotografate in questi ultimi giorni di agosto dai tecnici del Consorzio Friuli Colli Orientali-Ramandolo. I parametri di maturazione, per ora, sono assai favorevoli al Sauvignon (fra i bianchi) e al Pignolo, fra i rossi. I dati dell’andamento climatico, dello stato sanitario delle uve e degli indici di maturazione, assieme ai suggerimenti sulla scelta delle date vendemmiali, sono stati presentati durante un affollato incontro tecnico che si è tenuto nella sede consortile di Corno di Rosazzo.

«Prestiamo molta attenzione ai suggerimenti tecnici per fare una buona vendemmia – commenta il presidente del Consorzio, Adriano Gigante –, anche se sappiamo che le vere indicazioni alle aziende arrivano dal mercato e dalle preferenze dei consumatori».
Il meteorologo Ramon Persello ha sottolineato le alte temperature registrate in regione a luglio («un mese rovente») e pure a Cividale del Friuli con, tra l’altro, due giorni consecutivi a 39,5 °C («un evento davvero eccezionale») e una media storica di +3 °C (in agosto siamo a +1,5 °C). Praticamente nessun evento grandinigeno da segnalare finora.
Dal punto di vista sanitario, ha spiegato il tecnico consortile Francesco Degano, le uve si presentano pronte alla raccolta in uno stato ottimale. Alcuni attacchi di peronospora da segnalare (soprattutto a partire da giugno); infestazioni di oidio al di sotto di quelle del 2014; botrite quasi inesistente.

«Il numero di grappoli per vite è nella media – ha dettagliato l’agronomo Giovanni Bigot –, ma il peso medio degli acini è sì inferiore rispetto a quello del 2014 (-10%), seppur significativamente superiore rispetto a quello degli anni precedenti (+30%). Questo è uno dei motivi per i quali stimiamo che la produzione dei Colli Orientali incrementi leggermente rispetto a quella dell’anno scorso (+12-15%). I principali parametri di qualità (zuccheri, acidità e pH), risultano assai favorevoli per il Sauvignon, ma anche per il Tocai friulano, tra i bianchi e il Pignolo e il Pinot nero, tra i rossi».
Altrettanto buoni i parametri delle due varietà resistenti (Fleurtai e Soreli) messe a punto dall’Iga, dall’Università di Udine, dai Vivai di Rauscedo e in prova a Corno di Rosazzo. Dopo 10 anni di studio, questa sarà l’annata della prima vinificazione i cui risultati destano grande curiosità e interesse tra gli addetti ai lavori, pure oltre i confini regionali.