Trovati 1.500 kg rifiuti

Conclusi i dragaggi di Marano in 159 giorni

La soddisfazione della presidente Serracchiani: «Un risultato senza precedenti che ci ha permesso di risolvere una vera emergenza»

Una veduta di Marano Lagunare (© )

MARANO LAGUNARE – Sono bastati 158 giorni di intensi dragaggi per garantire a Marano Lagunare la fruibilità di canali navigabili con una profondità media di 2,5 metri, ripristinando le condizioni originarie grazie all'escavo di 77mila metri cubi di materiale asportati.

Il commento di Serracchiani
«Un risultato senza precedenti - ha evidenziato la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, intervenendo alla cerimonia di inaugurazione insieme all'assessore alla Pianificazione territoriale, Mariagrazia Santoro - che è stato possibile anche grazie a un perfetto allineamento istituzionale e a un conseguente eccellente lavoro di squadra fondamentale per soddisfare le esigenze di Marano. Abbiamo risolto un'emergenza - ha aggiunto Serracchiani – ma d'ora in poi questi interventi costituiranno la manutenzione ordinaria prevista dal primo piano regionale dei dragaggi. La laguna - ha concluso - è un'area delicata che va trattata di conseguenza».

Durante i lavori trovati 1.500 kg di rifiuti
I lavori, proceduti speditamente nonostante il rinvenimento di 1.500 chili di rifiuti sommersi, separati manualmente prima di essere trasportati in discarica, hanno comportato un costo complessivo di 700 mila euro a carico della Regione e il controllo in corso d'opera è stato effettuato con l'ausilio  delle più moderne tecnologie disponibili.
«Siamo riusciti a rispondere velocemente ad essenziali necessità della comunità locale - ha commentato Santoro - che considera molto importante l'economia del mare. D'ora in poi, attraverso il Piano morfologico della laguna, i dragaggi diverranno attività di opportuna consuetudine