Calcio

L’Udinese stecca alla prima nel nuovo stadio

Amara sconfitta dei friulani contro il Palermo nella prima partita in un Friuli rimesso a nuovo e dal bellissimo colpo d’occhio

UDINE - A Udine tutti attendevano l’esordio casalingo dell’Udinese in campionato dopo la trionfale vittoria all’esordio in casa della Juventus; c’era la possibilità di andare in testa alla classifica a punteggio pieno e proprio nel giorno in cui la serie A bagnava il nuovo stadio Friuli, ristrutturato e il cui effetto è semplicemente affascinante col pubblico vicino al campo e la sensazione di essere in Inghilterra o in Germania. E invece in testa alla classifica ci è rimasto il Palermo e il Friuli ha debuttato con una sconfitta, merito di un Palermo organizzato e grintoso che ha capitalizzato al massimo il gol di Rigoni nel primo tempo. Nemmeno la superiorità numerica ha permesso all’Udinese di acciuffare il pareggio, anzi, il Palermo seppur con qualche affanno ha resistito affidandosi alla tattica e ad un pizzico di fortuna che, al contrario, ha voltato la faccia ai friulani. Ci hanno provato Thereau e Duvàn Zapata ma con poca precisione, ci ha provato il capitano Di Natale, inizialmente in panchina, ci ha provato il bravo Bruno Fernandes: niente da fare, Colantuono si è sbracciato e disperato in panchina, ma la sua squadra ha peccato di precisione e freddezza gettando alle ortiche la possibilità di uscire dalla seconda giornata da imbattuta. 


Le regole non scritte


Pazienza, perché tutto sommato la formazione bianconera non ha demeritato e probabilmente il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, esattamente come lo sarebbe stato allo Juventus Stadium sette giorni prima; del resto il calcio non è sempre imprevedibile, anzi, in partite equilibrate fra squadre che si equivalgono, è quasi matematico che chi trova per primo il gol vinca la partita. Ora la sosta, Colantuono potrà riorganizzare il lavoro in vista del terzo turno di campionato fra due settimane in casa della Lazio, reduce da 7 gol subiti in due partite fra preliminare di Coppa Campioni e serie A.