18 novembre 2019
Aggiornato 09:00
Incentivi auto

Esaurito il bonus auto in Fvg: Udine boom con 1.500 richieste

Al posto di veicoli inquinanti (con oltre 10 anni di vita) la regione può ora contare su 3 mila vetture immatricolate Euro 5 o Euro 6. La soddisfazione di Giorgio Sina (Confcommercio)

UDINE - Un anno per ringiovanire, con 3 mila auto ‘ecologiche’, il parco mezzi del Friuli Venezia Giulia. Confcommercio Fvg, l’associazione che ha sollecitato il contributo regionale da 3 milioni inserito nella legge regionale 21/2013, informa che il bonus è esaurito.
Una cifra, 3 milioni, che ha consentivo di distribuire 3 mila incentivi da 1.000 euro ciascuno. L’erogazione è iniziata, per esigenze burocratiche, nella seconda metà del 2014, un ritardo che rischiava di vanificare l’operazione. Fondamentale la richiesta di Confcommercio, che ha convinto la Regione a spostare il residuo al 2015.

Al 31 marzo scorso, dati ufficiali, si contavano 1.808 domande accolte, tra le 865 in provincia di Udine, le 518 nel Pordenonese, le 226 in provincia di Trieste e le 199 nell’Isontino. In attesa del visto di Unioncamere si può stimare che l’esaurimento dei fondi abbia soddisfatto 1.500 domande a Udine, 900 a Pordenone, 300 a Trieste e altrettante a Gorizia.
«L’iniziativa è andata a buon fine – commenta il presidente del gruppo Auto Moto e Ricambi Giorgio Sina –. A conferma che diffondere il messaggio della qualità ambientale è sempre un fatto positivo». L’obiettivo, infatti, come si legge nella norma, era in primis di rinnovare il parco auto circolante sul territorio regionale, in un'ottica di tutela dell'ambiente, nonché di sviluppo della sicurezza stradale.

Al posto di veicoli inquinanti (con oltre 10 anni di vita) la regione può ora contare su 3 mila vetture con emissioni pari o inferiori a 120 g/km CO2, immatricolati Euro 5 o Euro 6. Nel contesto, ricorda Sina, di un mercato che ha assecondato nella prima metà del 2015 i segnali di ripresa dell’anno scorso. Da gennaio a giugno si contano, infatti, in regione 15.956 veicoli immatricolati contro i 13.670 dei primi sei mesi del 2014. Una crescita di 2.286 unità pari al 16,7%.