3 aprile 2020
Aggiornato 19:30
Il saluto di Malagò e Serracchiani

Fino a domenica oltre 3 mila giovani in Friuli per il Trofeo Coni

Da venerdì gare a Lignano, Barcis, Cervignano del Friuli, Cormons, Doberdò del Lago, Latisana, Monfalcone, Porpetto, Precenicco, Redipuglia, nonché San Giorgio di Nogaro e Trieste, con competizioni in 33 diverse discipline

LIGNANO – Fino a domenica, Lignano Sabbiadoro ospita, assieme ad altri undici comuni del Friuli Venezia Giulia, gli oltre 3 mila giovani partecipanti, tutti under 14, della fase finale nazionale del Trofeo Coni 2015.
Una manifestazione veramente importante per il movimento olimpico italiano, come ha testimoniato allo stadio Teghil di Lignano il presidente del Coni Giovanni Malagò nel corso della cerimonia di apertura dei ‘Giochi’, ufficialmente aperti dalla presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani.

«Complimenti al Friuli Venezia Giulia», ha sottolineato Malagò, regione che accoglie sempre al massimo i grandi eventi sportivi, che vive e crede i valori dello sport, che ha voluto ospitare quest'evento giovanile (dopo  Caserta 2014) con bambini e ragazzi provenienti da tutte le regioni italiane, una ‘culla’ di valori sportivi all'insegna della festa, della conoscenza e del dialogo che non a caso, ha aggiunto Serracchiani, «abbiamo voluto legare alle commemorazioni dei 100 anni dalla Grande Guerra». «Erano ragazzi, giovani, anche loro, e vogliamo ricordarli attraverso il vostro impegno sportivo - ha detto la presidente ai giovani di tutta Italia - augurandoci che tutti i bambini del mondo riescano, oggi, ad avere un'infanzia e un'adolescenza, e la possibilità di praticare sport».

Il benvenuto a tutti i partecipanti è giunto dal presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini e dal sindaco Luca Fanotto, mentre il presidente regionale del Coni, Giorgio Brandolin, ha voluto sottolineare come questa festa dello Sport, questa ‘mini Olimpiade azzurra’ abbia luogo grazie all'impegno delle istituzioni e l'apporto, indispensabile, degli oltre 150 volontari.
E da venerdì spazio alle gare a Lignano, Barcis, Cervignano del Friuli, Cormons, Doberdò del Lago, Latisana, Monfalcone, Porpetto, Precenicco, Redipuglia (da dove è partita la fiaccola che questa sera ha acceso il tripode allo stadio, ultima tedofora Alessia Trost a nome di tutte le Stelle olimpiche Fvg, che oggi hanno accompagnato nella sfilata le venti rappresentative regionali), nonché San Giorgio di Nogaro e Trieste, con competizioni in 33 diverse discipline.