Nessun aumento di reati con i migranti

Fvg modello di accoglienza. Il punto di Serracchiani

In regione ci sono 2.700 richiedenti asilo. «E' uno sforzo che stiamo facendo da tempo perchč siamo consapevoli di dover fare la nostra parte», chiarisce la governatrice. Per l'integrazione gią assegnati 785 mila euro

Serracchiani alla conferenza stampa (© )

UDINE - Non vuole sentire parlare di ‘allarme immigrazione’ e indica il Friuli Venezia Giulia come «modello» in termini di accoglienza. Questo grazie al coordinamento messo in campo tra Regione, Commissario di Governo e prefetti dei Comuni capoluogo. Debora Serracchiani si è stancata di sentire descrivere il Fvg «in maniera non veritiera» e, per questo, ha voluto fare il punto della situazione insieme ai quattro prefetti e ai quattro questori della regione. Presenti anche l’assessore Gianni Torrenti e il commissario di Governo Francesca Adelaide Garufi.
«In Fvg accoglienza diffusa – ha precisato Serracchiani – significa coinvolgere 46 Comuni e 16 dei 19 ambiti socio assistenziali: un lavoro avviato da tempo, che copre il 45% dell'obiettivo e che ci permetterà di arrivare entro novembre al 70% di accoglienza diffusa». Non solo. Nonostante esistano delle criticità, soprattutto nelle città capoluogo, la presenza dei richiedenti asilo non ha fatto aumentare i reati, che, al contrario, nell’ultimo anno sono diminuiti.

L’impegno economico dell’accoglienza
Sono stati impegnati 785 mila euro di risorse regionali in sei mesi per coinvolgere nell'integrazione e nelle attività socialmente utili 1.630 persone. «Significa far lavorare circa il 50% delle persone che in questo momento sono presenti in Friuli Venezia Giulia. Copriamo il 50% a fronte di una richiesta del Governo di circa il 10%, e questo significa che siamo andati molto avanti nei tempi», ha sottolineato Serracchiani, ricordando che si tratta di attività lavorative «che nessun altro farebbe» e rassicurando i cittadini della regione sul fatto che «non è stato tolto a loro nemmeno un
posto di lavoro
». Confermati, a questo proposito, i 4 milioni di euro dati ai Comuni per l’attivazione dei lavori socialmente utili, di cui hanno beneficiato i cittadini residenti in regione.

In Fvg più migranti del dovuto
«Non si stanno verificando, ma il monitoraggio è costante sia con il Ministero dell'Interno che con prefetture e questure. Non ci sono dunque avvisaglie di arrivi, ma siamo pronti a tutto: abbiamo individuato gli spazi e abbiamo già raccolto il via libera dal Ministero per un'eventuale aumento delle forze sul nostro territorio», ha affermato la presidente.
In base alla suddivisione delle quote fissate a luglio 2014 il Friuli Venezia Giulia dovrebbe accogliere il 2,19% della popolazione regionale. In realtà, sono molte di più le persone accolte in regione, circa 2.700. «E' uno sforzo che stiamo facendo da tempo perchè siamo consapevoli di dover fare la nostra parte. Auspichiamo che questo accada in capo a tutte le Regioni», ha commentato Serracchiani.