Il provvedimento

Chiusa una bisca clandestina a Manzano

Scoperta dalla polizia una sala slot nella quale si giocava a carte per soldi. Coinvolti quattro cinesi e un italiano

Scoperta una bisca clandestina a Manzano (© )

MANZANO – Chiude bisca clandestina a Manzano. Il provvedimento è stato deciso dal questore di Udine, Claudio Cracovia, il quale ha disposto la revoca della licenza di pubblica sicurezza per l'attività di gioco mediante apparecchi al titolare della sala slot di Manzano. Qui, qualche giorno fa, la polizia sorprese quattro cittadini cinesi intenti a puntare denaro contanti.

I quattro, come testimoniato anche dalla ripresa delle telecamere di sorveglianza, stavano giocando a carte in una saletta privata e, quando sono entrati gli agenti del Commissariato di Cividale, l’addetto di sala ha tentato di avvisarli dell’arrivo della polizia.

È poi emerso che il titolare, un cittadino cinese di trent'anni, non era nel locale al momento del controllo e sarebbe stato di fatto irreperibile e pressoché sconosciuto anche ai propri collaboratori. Avrebbe quindi affidato la gestione dell'attività a persone non autorizzate. Peraltro, il dipendente di sala, un italiano di 57 anni già noto alle forze dell'ordine per precedenti in materia di stupefacenti e gioco d'azzardo, sarebbe risultato privo di contratto di lavoro alle dipendenze della sala slot. Per questo lunedì 19 ottobre, il questore ha disposto la revoca della licenza per ‘l'attività di gioco mediante apparecchi’ al titolare della sala di Manzano.