La soddisfazione di Martines

Palmanova verso il riconoscimento Unesco

I ministri di Italia e Croazia hanno firmato a Roma un protocollo internazionale per la candidatura de 'Le opere di difesa veneziane tra il XV e il XVII secolo'. Siglato anche un memorandum tecnico

I ministri intervenuti per la firma dell'accordo (© )

PALMANOVA – Un altro importante passo verso la candidatura UNESCO di Palmanova. Si è tenuta a Roma, nel Salone del Ministro nel Mi.B.A.C.T. in piazza del Collegio Romano, da parte del Ministro della cultura Dario Franceschini e del suo omologo croato Berislav Sipus la firma del protocollo internazionale d’intesa della candidatura de ‘Le opere di difesa veneziane tra il XV e XVII secolo’ – che vede Bergamo come Comune capofila (insieme a Palmanova) e che coinvolge 3 nazioni diverse, ben 11 luoghi e altrettante città - per l’iscrizione nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco. La stipula di questo importante protocollo internazionale conferma la volontà, da parte dei Paesi partner, di proseguire nel lavoro finora svolto, sotto il profilo politico e tecnico, per completare il dossier di candidatura e trasmetterlo entro fine anno alla commissione nazionale Unesco.

Nella seconda parte del pomeriggio, alla presenza dei due Ministri, dell'Ambasciatore del Montenegro a Roma Antun Sbutega, dell'Ambasciatore della Croazia a Roma Damir Grubiša, e dei sindaci di Palmanova Francesco Martines, di Bergamo Giorgio Gori, e di Peschiera del Garda Maria Orietta Gaiulli, si è tenuto un altro importante momento:  la sottoscrizione del ‘Memorandum of Understanding’, elemento essenziale del dossier di candidatura, al pari della documentazione tecnica. 
Con il ‘Memorandum of Understanding’ viene, di fatto, creato l’ ‘International coordination group’, il gruppo  di coordinamento internazionale, responsabile della gestione internazionale congiunta dei beni transazionali seriali. Compiti del gruppo sono quelli di assicurare il rispetto degli obblighi derivanti dalla convenzione del Patrimonio Mondiale relativi ai beni ‘Le opere di difesa veneziane tra il XV e XVII secolo’, fornire supporto ai suoi membri per la conservazione e la gestione dei beni interessati, coordinare la gestione transfrontaliera e la rete degli organismi nazionali, regionali e locali interessati.

«Questa – commenta il sindaco di Palmanova Francesco Martines - è una delle più importanti tappe  che rafforza in maniera significativa e valorizza l’iter di candidatura Unesco».