L'indagine che scuote il Friuli

Anas e corruzione: coinvolto il friulano Vidoni

L’imprenditore di Tavagnacco è agli arresti domiciliari: avrebbe assunto una persona in cambio del pagamento privilegiato di lavori regolarmente effettuati

Anche il Friuli toccato dall'inchiesta su tangenti e Anas (foto Ansa) (© )

UDINE –  Anche il Friuli è interessato dallo scandolo che sta travolgendo l’Anas. Tra i destinatari delle ordinanze di custodia cautelare c’è anche l'imprenditore friulano Giuliano Vidoni, 70 anni, della Vidoni spa di Tavagnacco. L’uomo è è agli arresti domiciliari: fermato nella notte dai finanzieri a Roma in un albergo, sta raggiungendo la sua abitazione in Fvg accompagnato dalle forze dell'ordine, che è stata perquisita, come la sede dell'azienda.
L'accusa è corruzione: avrebbe assunto una persona in cambio del pagamento privilegiato di lavori regolarmente effettuati.

Tra le persone coinvolte anche l'ex sottosegretario alle Infrastrutture Luigi Meduri, arrestato dalla Guardia di finanza nell'ambito di un'inchiesta della procura di Roma che ha portato all’arresto di 10 soggetti, arrestate, cinque in carcere e altrettanti ai domiciliari, 31 indagati a piede libero e sequestro di beni per equivalenti 200 mila euro, oltre 90 perquisizioni. Sono alcuni dei numeri dell’inchiesta che il Nucleo di polizia tributaria e il Gico della Guardia di Finanza hanno portato a termine , coordinati dalla Procura di Roma, e che ha toccato dieci regioni e 23 città.