Opere pubbliche

Variante di Manzano: terminati i lavori

L’opera, costata 3 milioni 820 mila euro, è stata inaugurata qualche giorno fa. Il collegamento (2,5 km totali) si sviluppa a sud dell’abitato di Manzano e collega la sr 56 alla sp di Mortegliano tramite due rotatorie

Il taglio del nastro per la Variante di Manzano (© )

MANZANO – La Variante di Manzano è realtà. L’opera, costata 3 milioni 820 mila euro, è stata inaugurata qualche giorno fa. Il collegamento (2,5 km totali) si sviluppa a sud dell’abitato di Manzano e collega la sr 56 alla sp di Mortegliano tramite due rotatorie. Realizzata anche una terza rotonda per futuri sviluppi della viabilità locale (l'auspicio è che venga ripreso, almeno in parte, il progetto della Palmanova-Manzano). I lavori della Variante, eseguiti dalle ditte Gaiardo di Gonars, Spiga di Tolmezzo e Isi di Udine, sono stati coordinati dalla Provincia di Udine.

Sulla rotonda potrebbe trovare posto una nuova sedia gigante
Il presidente della Provincia, Pietro Fontanini, ha rimarcato l’importanza dell’opera e, in particolare, l’ottimale soluzione di gestione del traffico tramite rotatorie più agevole per l’area produttiva in cui è inserita, ma soprattutto più sicura. Ha ringraziato l’ingegner Alessandro Calligaris per aver ceduto la superficie di terreno dove è stata realizzata la rotatoria antistante l’omonima azienda, rotonda tra le più grandi della Provincia (100 metri il diametro) e sulla quale, ha auspicato Fontanini, possa essere ricollocata la sedia simbolo di questo territorio ma ancora più grande della precedente per riconquistare il primato mondiale. Il vicepresidente della Provincia di Udine con delega alla viabilità, Franco Mattiussi, ha evidenziato l’importanza della rotatoria antistante lo stabilimento Calligaris (dove si è svolta la cerimonia) ma anche l’intero sviluppo della variante realizzata in un’ottica di infrastrutturazione del territorio, con la finalità di creare le condizioni per nuovi insediamenti produttivi, auspicati per il futuro per risolvere le criticità che l’area sta vivendo.
Dal canto suo Alessandro Calligaris ha evidenziato l’importanza dell’opera che permette alle aziende di essere più veloci ma soprattutto perché rende meno pericoloso il traffico qui molto sostenuto. Calligaris ha espresso disponibilità a effettuare la manutenzione della rotonda per potervi riportare la sedia, espressione di questo territorio che collega la parte est alla parte nord ovest della regione.

Il commento di sindaco e assessore Santoro
Il sindaco di Manzano Mauro Iacumin nel ringraziare i presenti e i precedenti amministratori, ha ricordato di aver sollecitato e ottenuto dalla Provincia il completamento dell’illuminazione verso la frazione di San Nicolò, una doppia curva che altrimenti sarebbe rimasta buia. Un completamento che garantisce maggiore sicurezza alla popolazione. «Molto importante la realizzazione della rotonda, - ha sottolineato - porta di accesso a Manzano, che sostituisce un incrocio precedentemente regolato da semaforo teatro di incidenti anche mortali». Ha concluso gli interventi l’assessore regionale alle infrastrutture Mariagrazia Santoro che ha sottolineato «la rilevanza strategica dell’opera ai fini della sicurezza stradale, sicurezza garantita sia al traffico pesante sia a quello delle auto, commistione spesso presente sulle nostre strade. Un’opera importante - ha rilevato l’assessore - sia in un’ottica di riqualificazione per le imprese ma anche per la sicurezza dei cittadini».