Cronaca | Nove anni dopo

‘Cold case’ carnico risolto grazie al Dna

un cittadino italiano di origine romena, 27 anni, stato denunciato dai Carabinieri della Compagnia di Tolmezzo quale responsabile di un furto in abitazione commesso nel capoluogo carnico, dove erano stati razziati monili, gioielli e denaro per un bottino di circa 8.000 euro

Caso risolto dopo 9 anni grazie al Dna
Caso risolto dopo 9 anni grazie al Dna ()

UDINE – Sono diventati ‘celebri’ grazie all’omonima serie televisiva statunitense ‘Cold Case’. Si tratta dei cosiddetti ‘casi irrisolti’, fatti criminali rimasti senza un colpevole. Grazie al Dna, uno di questi ‘cold case’ è stato risolto. E’ accaduto in Carnia, nove anni dopo i fatti: un cittadino italiano di origine romena, 27 anni, è stato denunciato dai Carabinieri della Compagnia di Tolmezzo quale responsabile di un furto in abitazione commesso nel capoluogo carnico, dove erano stati razziati monili, gioielli e denaro per un bottino di circa 8.000 euro.

Un campione di sangue prelevato nove anni fa ha dato una corrispondenza totale, al 100%, con il Dna prelevato nei giorni scorsi all'indagato.