dal 28 novembre al 27 febbraio

“Destini”: il Teatro Sosta Urbana ricomincia il suo tour in tutta la città

Con TSU otto tra spettacoli ed eventi per indagare le strade che sta prendendo la società sollecitata da grandi sfide: dalle migrazioni alle mutazioni culturali, fino ai grandi interrogativi individuali sulla propria vita e morte. È la prima parte di un programma che fino all’estate comprenderà in totale 17 appuntamenti

Aisha di Aida Talliente (© )

UDINE - «Gli spazi non convenzionali di una città come Udine sono una ricchezza per il teatro: in essi l’artista si mette in relazione con il luogo e in contatto con una comunità». È questa l’idea ispiratrice di TSU, Teatro Sosta Urbana, rassegna di spettacoli che torna nel capoluogo friulano con una terza edizione dedicata al tema: «Destini».

Una rassegna organizzata «dagli artisti con gli artisti»
«Una provocazione», spiega la regista e attrice Serena Di Blasio componente del gruppo che ha coordinato la rassegna,  insieme con i colleghi registi e attori Nicoletta Oscuro, Valentina Rivelli, Caterina Di Fant e Andrea Collavino, per «indagare dove sta andando la società sollecitata da eventi spesso inediti: dalle migrazioni alle mutazioni culturali, fino agli interrogativi che si pongono a ogni individuo nel confronto con i bivi e gli incroci della vita».  Una rassegna organizzata «dagli artisti con gli artisti» e articolata in 8 spettacoli ed eventi per la prima parte della stagione, che si aprirà il 28 novembre nella ex caserma Osoppo (via Brigata Re, 29) e proseguirà fino al 27 febbraio. La seconda tranche è in avanzata fase di progettazione con molte sorprese che si sveleranno nei mesi primaverili per giungere alla chiusura della stagione prevista per l’8 luglio con un grande spettacolo a effetto.

Spettacoli per tutte le età a ore diverse
Molte le novità, con la presenza, per la prima volta nella storia di TSU, di spettacoli che arrivano da fuori regione. «Vogliamo dare spazio – commenta il direttore artistico Andrea Collavino – a quelle compagnie indipendenti che non hanno alle spalle una struttura che ne curi la distribuzione». Inoltre, aggiunge Valentina Rivelli, presidente del Teatro della Sete, associazione capofila del progetto, realizzato in collaborazione con il Comune di Udine, «la nostra è un’idea di teatro che non fa dell’apparato tecnico il centro dello spettacolo, ma che si mette coraggiosamente a nudo, forte del potenziale evocativo della parola e del gesto». «Ci sono più spettacoli dello scorso anno anche grazie all’appoggio di altre istituzioni, Regione e Fondazione Crup, che hanno creduto nella bontà del progetto e si sono affiancate al Comune», afferma Nicoletta Oscuro. L’idea, prosegue, «è quella di incentivare la fruizione presentando spettacoli per tutte le età a ore diverse, con laboratori per bambini e incontri con l’autore». Tutto per un ingresso a soli 3 euro, compreso un rinfresco a fine spettacolo.

Si comincia con «Lenghe di glerie», lavoro in lingua friulana realizzato con il contributo dell'Arlef dal Teatro della Sete (Serena Di Blasio, Caterina Di Fant e Valentina Rivelli), dove in scena prende vita chi, in epoche e modi diversi, ha toccato le acque del fiume Tagliamento: appuntamento il 28 novembre nella ex caserma Osoppo alle 18, e dopo lo spettacolo, merenda nel segno della convivialità che contraddistinguerà gli appuntamenti in cartellone.

Sabato 12 dicembre a essere animata sarà la sala parrocchiale di Godia (via Genova, 1 - ore 20.30) con l’ultima versione del pluripremiato lavoro «Aisha» dell’attrice e regista friulana Aida Talliente, frammento d'Africa nato da una storia vera e dedicato a una ex ragazza soldato della Costa d'Avorio.

Si continua domenica 27 dicembre al Teatro di Eligio (via Marcotti, 9 - ore 20.30) con «Me ne vado» di e con Marcela Serli (Massa Carrara/Milano), primo spettacolo che arriva da fuori Friuli Venezia Giulia: la pièce racconta in chiave ironica le storie che hanno spinto quattro generazioni di uomini a partire, andando alla ricerca di un luogo felice, quantomeno vivibile.

A seguire, il 16 gennaio alle ore 19 all’ex caserma Osoppo, il primo incontro con l’autore: di scena il friulano Carlo Tolazzi, drammaturgo, regista e scrittore, con la sua ultima opera drammaturgica dedicata all'archeologia industriale: l'ottocentesca amideria di Perteole.

Seconda ospitalità nazionale il 22 gennaio, alle 20.30, al Palabocce udinese di Cussignacco, con la compagnia di Claudio Morganti (Prato), figura di spicco del teatro italiano di ricerca e premio UBU 2012, che presenterà il lavoro «La vita ha un dente d’oro». In scena Francesco Pennacchia e Gianluca Stetur, per uno spettacolo di "archeologia teatrale, alle origini del gioco, con il gusto e il piacere della vera finzione". 

Largo ai bambini il 2 febbraio alle 17 nella biblioteca di via Martignacco 146, con un incontro di narrazione con laboratorio, «Aspettando...Bleons», proposto dall’associazione culturale 0432.

Si porta il Friuli nel cuore della Sardegna il 14 febbraio, quando alle 17 al Circolo dei Sardi «Montanaru» del quartiere dei Rizzi (via delle Scuole 13), il Teatro al Quadrato presenterà l’opera «Bleons», viaggio nella «poetica» delle lenzuola con Lucia Linda e Claudio Mariotti.

Chiuderà la stagione invernale, il 27 febbraio, alle 20.30, al Palabocce udinese-Cussignacco, la compagnia Carullo/Minasi, gruppo composto da artisti di Messina e Reggio Calabria, con lo spettacolo «Due passi sono», vincitori del premio «Scenario per Ustica» nel 2011. Un uomo e una donna si ritrovano sul grande palco dell'esistenza, nascosti nel loro mistero che li riduce dentro uno spazio sempre più ristretto: ne fuoriescono vivendo il sogno della vera vita da cui non è più necessario fuggire. 

La rassegna è realizzata dal Teatro della Sete con il sostegno di Regione, Comune di Udine – assessorati alla Cultura e al Decentramento -, e Fondazione Crup, nell’ambito del bando arti sceniche. TSU, infatti, è uno dei progetti vincitori di questo bando della Fondazione, passato al vaglio di giuria molto severa e qualificata.