Visitabile fino al 19 dicembre

Ricordando Pasolini: un percorso ispirato al film Il Vangelo Secondo Matteo

La mostra dedicata all’artista a 40 anni dalla scomparsa dell’intellettuale è allestita al Teatro Nuovo Giovanni Da Udine

Nell'immagine Pasolini (© )

UDINE -  Ci sarà tempo fino al 19 dicembre per visitare la mostra allestita nello spazio Fantoni, al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, e dedicata a Pier Paolo Pasolini de «Il Vangelo Secondo Matteo». L’omaggio allo scrittore e regista che si proclamò ateo eppure riconobbe in Cristo una delle figure più carismatiche e rivoluzionarie della storia propone fotografie, spezzoni cinematografici, materiali audiovisivi, oggetti, documenti, testimonianze e costumi di scena che ripercorrono la genesi del film e il suo impatto sulla storia di Matera, città simbolo in cui Pasolini ricreò Gerusalemme.

Il percorso è suddiviso in tre tappe
La prima è dedicata alla fase preparatoria del film e alla realizzazione de La Ricotta, il mediometraggio «scandalo» inserito nell’opera Ro.Go.Pa.G. che provocò il sequestro del film e la condanna in primo grado di Pasolini per vilipendio alla religione di stato.  La seconda dà invece conto dei sopralluoghi in Palestina e in Terrasanta alla ricerca dei luoghi e dei volti del Vangelo; la terza e ultima testimonia la realizzazione del film nei diversi set dell’Italia Meridionale e in particolare a Matera «come Gerusalemme».
La mostra, visitabile con ingresso libero, è a cura di Marta Ragozzino, Direttore Polo Museale Regionale della Basilicata, che ha ideato il percorso espositivo per il Teatro Nuovo Giovanni da Udine, ed è stata realizzata con il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e con il Patrocinio del Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa. «Il Vangelo secondo Matteo» di Pasolini da Matera a Udine fa parte del calendario delle manifestazioni Il Friuli Venezia Giulia per Pasolini promosse dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e del calendario delle manifestazioni nazionali Pasolini 1975-2015 del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Visite a partire da un’ora prima dell’inizio degli spettacoli per gli spettatori provvisti di biglietto o su prenotazione (iscrizioni@teatroudine.it).