18 novembre 2019
Aggiornato 10:30
Non resta che un urlo di dolore e di rabbia

CoopCa: chiudono i negozi di Tolmezzo. La rabbia dei risparmiatori

L'affondo a chi la cooperativa l'ha gestita: «Con la vostra amministrazione scellerata avete fatto della Carnia un macello sociale»

TOLMEZZO – E’ una delle tante persone che, in Carnia e in tutto il Friuli, ha subito le conseguenze del crac CoopCa. Sul gruppo Facebook Aiuto soci CoopCa ‘Amar Iana’ (nome con dedica?) ha voluto raccontare la fine della Cooperativa Carnica, raccontando, con toni duri e drammatici, quanto toccato a centinaia di famiglie in tutta la regione.

Non resta che un urlo di dolore e di rabbia
«Oggi, 19 dicembre 2015, anche a Tolmezzo, i negozi Coopca chiudono definitivamente. Ormai – scrive la donna – non ci resta altro che un urlo di dolore e di rabbia…Questo è il secondo Natale di disperazione per moltissime persone! Si ringraziano i vertici Coopca che per un anno con le loro bugie hanno tenuto sulla graticola dipendenti e soci prestatori per arrivare comunque a questo triste epilogo. Tolmezzo e la Carnia intera ringraziano – aggiunge – neanche due guerre e un terremoto sono riusciti a fare tutto il danno che avete fatto voi:  siete riusciti ad annientare più di un secolo di sacrifici, ideali e grande cooperazione dei nostri vecchi».

L’attacco ai vertici CoopCa
«Con la vostra amministrazione scellerata avete fatto della Carnia un macello sociale – si legge sul post – ai vecchi è stato rubato un fine vita dignitoso (risparmi di una vita per la vecchiaia) ai giovani è stato rubato il futuro (lasciti dei nonni, dei genitori per garantire gli studi ai bambini, risparmi degli studenti lavoratori) e a noi della generazione di mezzo è stata rubata la possibilità di dare una mano alle generazioni di cui sopra ( in questo momento di crisi siamo gli unici ammortizzatori sociali nell'aiuto ai figli e nell'accudimento dei nostri anziani). Avete fatto di Coopca il vostro paese di BENGODI con i nostri risparmi! Grazie!  Che Dio ve ne renda merito. R.I.P.».