27 luglio 2017
Aggiornato 00:30
Il 22 a Casa Cavazzini, dalle 15.30

“Visioni Urbane”: una mostra e un convegno a Casa Cavazzini

L'esposizione, che rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 6 marzo, ripercorrerà le tappe salienti del progetto con il ricorso a materiali preparatori, fotografie e video

Uno degli artisti all'opera (© )

UDINE - La creatività urbana e la Street Art come linguaggio che, nel dialogo con le istituzioni e la cittadinanza, acquista legittimità e attribuisce dignità ai luoghi e ai loro abitanti, portando l’arte pubblica nel centro storico cittadino e nei quartieri periferici. È  arrivato alle battute finali della sua prima fase «Visioni Urbane», il progetto pensato per diffondere anche a Udine quest'arte e realizzato grazie al sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia con la collaborazione di istituzioni, enti privati e associazioni del territorio regionale.

Primo punto di questa fase conclusiva
Venerdì 22 gennaio a Casa Cavazzini, alle 15.30, si terrà il convegno «Street Art nelle gallerie d'arte: le regole della strada, le regole del mercato». Ospiti dell’incontro realizzato con la collaborazione di InWard - International Network on Writing Art Research and Development – Osservatorio sulla Creatività Urbana (Napoli), saranno Davide Loritano (Galleria Square23, Torino), Giuseppe Pizzuto (Galleria Wunderkammer, Roma – Milano), Pietro Rivasi (critico ed esperto di Street Art), Salvatore Velotti (InWard). A moderare l’incontro sarà Luca Borriello, direttore di InWard.

Una mostra documentaria
Sempre venerdì, non appena terminato il convegno, alle 17.30, verrà inaugurata al primo piano di Casa Cavazzini, alla presenza dell'assessore Pirone, la mostra documentaria "Visioni Urbane: Udine per un nuovo modello di arte pubblica». L'esposizione, che rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 6 marzo, ripercorrerà le tappe salienti del progetto con il ricorso a materiali preparatori, fotografie e video. Per l’occasione sarà presentato anche il libro «Visioni Urbane/ Dalla strada al museo/From the Street to the Museum Udine 2015-2016» a cura di Mattia Campo Dall’Orto. In questo lungo percorso, lo ricordiamo, ad affiancare l’Agenzia Giovani del Comune e Casa Cavazzini, il Museo di Arte Moderna e Contemporanea, sono stati l’Ater e le associazioni Bravi Ragazzi (Gemona del Friuli) e Macross (Monfalcone), l’Associazione Centro Commerciale Naturale UdineIdea e ».lab» Centro Solidarietà Giovani «G. Micesio» Onlus. Dal mese di maggio 2015 sono state realizzate una residenza artistica, un convegno a tema, l’evento di live paiting su alcune vetrine del centro città, un laboratorio per ragazzi e grandi decorazioni murali. Per saperne di più sul progetto è possibile consultare il blog all'indirizzo www.visioniurbane.udine.it e sul sito www.casacavazzini.it