Operazione a Udine

Associazione usava dimora di lusso per eventi: indagine della Gdf

Iva e imposte evase per 2 milioni di euro, ricevuti contributi 100 mila euro

Operazione della Guardia di Finanza (foto Ansa) (© )

UDINE - La Guardia di Finanza di Udine ha concluso le indagini per truffa e reati tributari nei confronti del responsabile di un'associazione che riceveva contributi pubblici per fini culturali, ma che all'interno di un edificio storico organizzava matrimoni e congressi, manifestazioni turistiche ed enogastronomiche.

Le indagini, delegate dalla Procura udinese alla Compagnia di San Giorgio di Nogaro, hanno consentito di rilevare che l'associazione culturale, contrariamente a quanto previsto dal suo statuto, svolgeva attività commerciali evadendo completamente le imposte, non agendo come realtà no-profit senza fine di lucro, e avrebbe ricevuto un contributo di 100.000 euro erogato dell'Unione Europea attraverso la Regione Friuli Venezia Giulia senza averne diritto.

Il responsabile dell'associazione e altri proprietari della dimora storica avrebbero evaso Iva e Imposte Dirette per oltre due milioni di euro, e non avrebbero segnalato trasferimenti all'estero per oltre 140.000 euro.