Binomio economia-cultura

Sinergia Fondazione Aquileia-Cciaa di Udine per il rilancio del biglietto unico

Zanardi Landi:«E' il segno di una nuova e positiva collaborazione con il mondo dell'imprenditoria». La soddisfazione di Da Pozzo. Chi acquisterà il biglietto avrà diritto a sconti in negozi, bar e ristoranti

I reperti di Aquileia (© )

AQUILEIA - Sconti nei negozi, bar e ristoranti di Aquileia e dintorni per chi acquista il biglietto integrato per la visita dei musei e siti archeologici di Aquileia. L’iniziativa, promossa dalla Fondazione Aquileia e fortemente sostenuta dal presidente della Camera di Commercio di Udine, Giovanni Da Pozzo e dal presidente del Mandamento Lagunare della Confcommercio,  Pierluigi Mattiussi, sarà formalizzata a breve, avendo già ottenuto in via preliminare l’adesione del direttore del Polo Museale, Luca Caburlotto, e della Società per la Conservazione della Basilica di Aquileia, Arnaldo Becci, che gestiscono assieme alla Fondazione il biglietto unico. I principali imprenditori aquileiesi nel settore dell’ospitalità e della ristorazione hanno espresso il massimo interesse nell’iniziativa.

Un piano di rilancio del biglietto unico, già in vendita dal 2013, per favorire una permanenza prolungata dei visitatori ad Aquileia con prevedibili ricadute positive anche sulle attività di ristorazione e commerciali: con l’acquisto del biglietto al costo di 9 euro un visitatore adulto risparmierà 4 euro rispetto all’acquisto dei singoli biglietti di accesso, avrà il vantaggio di poterne usufruire nell’arco di 15 giorni se non riuscisse a visitare tutti i siti in un’unica giornata, e il diritto a uno sconto del 10% nei locali convenzionati.
«L'iniziativa di promuovere l'acquisto del biglietto integrato grazie a sensibili sconti concessi dai ristoratori e commercianti aquileiesi - spiega il presidente della Fondazione Aquileia Antonio Zanardi Landi - viene da un'idea semplice e quasi ovvia, ma che trae la sua forza dall'essere stata immediatamente e pienamente condivisa. E' il segno di una nuova e positiva collaborazione con il mondo dell'imprenditoria aquileiese e cementa quella già da tempo in atto con la Camera di Commercio di Udine e che vorremmo estendere anche alle altre  Camere di Commercio della Regione. Se, come siamo certi, l'iniziativa produrrà effetti positivi per il volume d'affari degli operatori di Aquileia, cercheremo di estendere la cooperazione, se i nostri partner saranno d'accordo, anche a Palmanova, Grado e Cividale, oltre che abbinare la promozione delle iniziative che verranno avviate ad Aquileia con quelle in altre località ed istituzioni culturali della Regione».

 «Economia e cultura: un binomio che abbiamo sempre considerato vincente e da valorizzare al massimo – gli ha fatto eco il presidente della Camera di Commercio di Udine Da Pozzo –, importantissimo per una terra come il Fvg e per la preziosissima Aquileia in particolare, ma non solo, ovviamente. Anche iniziative come questa possono far crescere l’attrattività delle nostre città e aree storiche e culturali, insieme promuovendone la produttività e la crescita economica».
Ad Aquileia le aree archeologiche e la Basilica rimangono sempre visitabili gratuitamente, mentre attualmente sono previsti biglietti d’ingresso per il Museo Archeologico Nazionale (4 euro), il Museo Paleocristiano (attualmente visitabile solo il giovedì 8.30-13.45 e incluso nel biglietto d'ingresso al MAN), la Cripta degli Scavi e Cripta degli Affreschi nella Basilica(4 euro), il Battistero ed i mosaici dell’Aula Meridionale (3 euro),  il Campanile popponiano (2 euro). Dal 2014 è stato istituito anche il biglietto complesso basilicale, comprendente le due cripte, il Battistero, l'Aula meridionale e il campanile, al costo di 7 euro.