7 luglio 2020
Aggiornato 20:30
In Carnia

La frana si muove: chiusa la strada per Cazzaso Nuovo

La chiusura della strada permarrà fino al termine della situazione di allerta, causata dalle intense precipitazioni di queste ore
L'area interessata dalla frana
L'area interessata dalla frana

TOLMEZZO - Una porzione del movimento franoso a monte della frazione di Cazzaso (dai 10 ai 15 mila metri cubi di materiale), in comune di Tolmezzo, a causa delle forti precipitazioni degli ultimi giorni, è avanzata in maniera significativa. Pertanto, anche in considerazione delle piogge intense previste in queste ore, è stato disposto il passaggio alla fase di preallarme e a titolo precauzionale è stata decisa la chiusura della strada comunale nel tratto dal cimitero di Fusea fino all'ingresso dell'abitato di Cazzaso Nuovo.
Lo ha reso noto la Commissione tecnica comunale, che si è riunita sabato a Tolmezzo alla presenza dei funzionari della Protezione Civile della Regione.

La frana di Cazzaso è nota fin dal 1852, e da anni è sorvegliata speciale da Pc, Vigili del fuoco, tecnici comunali con monitoraggi ed indagini geologiche per comprenderne portata, direzione e pericolosità.
La chiusura della strada permarrà fino al termine della situazione di allerta.
Nel caso la situazione dovesse ulteriormente peggiorare, tanto da far temere un reale rischio di frana, saranno attivate le procedure previste dal Piano di evacuazione comunale della frazione.

Nel frattempo continua costantemente il controllo del movimento franoso, effettuato sia sul posto che attraverso postazioni Gps che inviano i dati all'Ogs, l'Osservatorio geofisico sperimentale, appositamente convenzionato con la Protezione civile della Regione.
«La frana - ha precisato l'assessore regionale alla Protezione civile, Paolo Panontin - è un fenomeno latente che potrebbe rimanere sostanzialmente innocuo a lungo, ma la significatività del movimento ha consigliato un atteggiamento di assoluta cautela. Continueremo a fare il nostro lavoro per garantire la sicurezza delle popolazioni interessate».