26 luglio 2017
Aggiornato 16:30
Il 28 marzo

«Aperto 2016»: Pasquetta al Castello di Udine

Il nuovo appuntamento con «Musica e Musei» torna, come di consueto, con un ricco programma pensato per gli udinesi, ma anche per i turisti, che visiteranno i Civici Musei il Lunedì dell'Angelo, quando le porte si apriranno per offrire gratuitamente le visite ai propri tesori artistici con l'accompagnamento di numerosi concerti all'insegna del binomio arte e musica.

Una veduta del Castello di Udine (© Roberta Patat | Shutterstock.com)

UDINE - Arte. Arte nel senso più ampio della parola. È questo che propone il Comune di Udine per la Pasquetta in castello, ormai giunta alla terza edizione e dal nome evocativo: «Aperto 2016». «Il titolo della manifestazione, «Aperto», indica la capacità della città di voler sperimentare, includere, osare, nell’interazione tra la musica e i propri beni culturali. – ha spiegato Federico Pirone, assessore alla cultura del Comune di Udine - La Pasquetta in castello diventa quindi un manifesto di ciò che la città è e vuole essere».

Il 28 marzo tutti in castello
Il nuovo appuntamento con «Musica e Musei» torna il prossimo 28 marzo e, come di consueto, con un ricco programma pensato per gli udinesi, ma anche per i turisti, che visiteranno i Civici Musei del castello il Lunedì dell'Angelo, quando le porte si apriranno per offrire gratuitamente le visite ai propri tesori artistici con l'accompagnamento di numerosi concerti all'insegna del binomio arte e musica. In proposito, anche il sindaco Furio Honsell ha ricordato come «c'è bisogno di arte, di riscoprire i musei in modo diverso. Nelle passate edizioni abbiamo registrato un boom di visitatori e questo ci incoraggia a potenziare con ulteriori iniziative e con nuova convinzione questa nuova modalità di offrire e presentare i musei del castello. Un'occasione per tutti – conclude – di vedere collezioni famose in tutto il mondo e che sono conservate a Udine». Perchè come lo stesso primo cittadino ha ricordato, Udine custodisce numerose e importanti collezioni «che anche Roma ci invidia». Parliamo, ad esempio, la collezione Astaldi e la collezione Friam.

Musei e tanta musica per tutti i gusti
Una giornata speciale, dunque, (che nelle passate edizioni ha registrato 2 mila visitatori in appena una giornata) con il preciso intento di incentivare la fruizione museale, con particolare attenzione ai Civici Musei, attraverso l’esperienza diretta in un contesto di festa, con la musica dal vivo a interagire con l’arte figurativa. I visitatori, infatti, potranno godere di un itinerario artistico-musicale nel salone del Parlamento e nelle sale del compendio del castello che, lo ricordiamo, riunisce il Museo Archeologico, quello del Risorgimento, la Galleria di Arte Antica, la Galleria dei disegni e delle stampe, il Museo friulano della fotografia e la Fototeca. Un appuntamento ideato, organizzato e realizzato dall’associazione LiveAct, con il sostegno della Regione e del Comune e in collaborazione con l’associazione Progetto Musica e il CSS, sotto la direzione artistica de La Scimmia Nuda.

L'intero programma della giornata è disponibile qui.