Giovedì 21 aprile, dalle 16 a palazzo di Toppo Wassermann

Toni Capuozzo in una lectio magistralis all’UniUd

Iniziative organizzate dal Centro interdipartimentale di ricerca sulla cultura e la lingua del Friuli dell’Ateneo

Capuozzo in un'immagine tratta dalla pagina Facebook Toni Capuozzo (© Luca Rossato)

UDINE – Giovedì 21 aprile alle 16 il Centro interdipartimentale di ricerca sulla cultura e la lingua del Friuli (Cirf) dell’Università di Udine presenterà in una conferenza pubblica «Le iniziative del Cirf per il Friuli, terra di confini (1866-2016)». Interverrà il giornalista Toni Capuozzo, che, alle 17.20, terrà una lectio magistralis dal titolo «Può la cronaca scandire il ritmo della storia?», sui casi degli alpini fucilati nel 1916, i «fusilâz di Cercivento», di Giulio Regeni, Fausto Piano e Salvatore Failla, dei Marò italiani in India. L’appuntamento è a palazzo di Toppo Wassermann, in via Gemona 92 a Udine. La stampa è invitata a partecipare.

Il programma del pomeriggio prevede
Alle 16, nella sala del Consiglio, la presentazione del ciclo di conferenze organizzate dal Cirf e, in particolare, dei prossimi appuntamenti dedicati a «Contaminazioni culturali: la scelta di S. Menis, tratto dal memoriale di Ferdinando Pascolo» e «La storia di confini labili attraverso il francobollo e le lettere dal fronte». Alle 16.30, nell’aula T9, dopo il saluto della autorità e l’introduzione del direttore del Cirf, Paolo Pascolo, si terrà la conferenza «Cronaca e memorialistica per capire la storia». Interverrà Anna Maria Zilli, insegnante nelle scuole secondarie attraverso i laboratori di Storia (II progetto dentro la Guerra e altri argomenti). Dopo la lectio di Toni Capuozzo, prevista alle 17.20, seguirà alle 18.20 la discussione con il pubblico.