Programma di sabato 23 aprile

Sul red carpet la bellissima diva cinese Lang Yueting!

A Udine per presentare Mountain Cry, assieme al regista Larry Yang, l’attrice è la special guest di questa seconda giornata. Sotto i riflettori anche la star dell’Opening Night, mister Johnnie To, protagonista del Talkdelle 11

La bellissima Lang Yueting (© Far East Film Festival)

UDINE – Seconda giornata del Feff18 ed è subito… red carpet: arriva, infatti, dalla Cina la bellissima diva Lang Yueting! Accompagnata dal regista Larry Yang, l’attrice presenterà al pubblico l’intenso mélo Mountain Cry (anteprima italiana). Sotto i riflettori anche le star dell’Opening Night, mister Johnnie To e Yau Nai-hoi (produttori di Trivisa) con Park Hoon-Jun (regista di The Tiger), protagonisti dei Talk del mattino.

Arriva la superstar dalla Cina
Lang Yueting, tra l’altro già musa di Johnnie To in Office, interpreta il ruolo di una donna indifesa che subisce un’ingiustizia da parte di un’intera comunità. La storia si svolge nei primi anni Ottanta in un piccolo villaggio dello Shanxi. Il paesaggio spettacolare e apparentemente idilliaco che circonda il villaggio non riesce a nascondere la tensione che serpeggia nella comunità, che non ha ancora completamente superato il trauma della Rivoluzione Culturale terminata da poco.

Programma ricco
Tornando, brevemente, al ricchissimo programma del 23 aprile, troviamo ben 9 film: dal cult The Girl Who Leapt Through Time diObayashi Nobuhiko (presente a Udine come nume tutelare della retrospettiva Oltre Godzilla – Futuri alternativi e scenari fantastici del cinema giapponese e, ricordiamo, come vincitore del Gelso d’Oro alla carriera) allo splendido restauro in 4K del glorioso L'urlo di Chen terrorizza anche l'occidente (la «nuova vita» di Bruce Lee porta la firma di Immagine Ritrovata di Bologna per conto della Fortune Star di HK), passando per il baseball di Weeds of Fire, l’infanzia dolorosa del capolavoro The World of Us o l’irresistibile e scanzonato Maniac Hero.

Nel dettaglio

Alle 9.15
THE GIRL WHO LEAPT THROUGH TIME di OBAYASHI Nobuhiko – Japan, 1983
Una normale studentessa con ottimi voti a scuola ha un incidente mentre sta pulendo il laboratorio di chimica del liceo e acquista la capacità di spostarsi nel tempo.

FEFF TALKS
Sotto i riflettori, dalle 11 alle 11.40, il grande cinema hongkonghese con Johnnie To e Yau Nai-hoi (il moderatore è Tim Youngs) e a seguire, dalle 11.40 alle 12.15, il ruggito sudcoreano di Park Hoon-Jun (il moderatore è Darcy Paquet).

Alle 11.10 THE EXCLUSIVE di ROH Deok – South Korea, 2015
L’occasione di una vita capita una volta sola e per Moohyuk sarà un calvario! Ad un passo dal divorzio e dal licenziamento, infatti, il reporter incappa in una pista che porta ad un serial killer.

Alle 13.25 WEEDS ON FIRE di CHAN Chi-fat – Hong Kong, 2016
ispirato alla storia vera della prima squadra giovanile del baseball hongkonghese, che racconta le fatiche di un coach alle prese con un team di ragazzini pigri e complicati.

Alle 15.20 – Visionario - THE WAY OF THE DRAGON di BRUCE Lee – Hong Kong, 1972
La sequenza del combattimento con Chuck Norris nel Colosseo è entrata di diritto nella storia del cinema! What else?

Alle  15.30 THE WORLD OF US di YOON Ga-eun – South Korea, 2016
L’infanzia non è un mondo fatato e i rapporti possono essere più ricchi ma più complicati di quelli tra adulti.

Alle 17.20 - THE DEAD END di CAO Baoping – China, 2015
Atmosfere inequivocabilmente dark per un thriller ricco di rimandi al senso della vita.

Alle 20 MOUNTAIN CRY di Larry YANG – China, 2015
In un paese dall’aspetto idilliaco, un uomo viene ucciso da una trappola piazzata da Han. I vecchi del villaggio decidono di insabbiare tutto, a patto che il giovane si prenda cura della moglie muta e dei figli della vittima. La nuova famiglia diviene affiatata ma per malignità ed invidia il villaggio prende un’altra drastica decisione.

Alle 22 FATAL INTUITION di YUN Jun-hyung – South Korea, 2015
Fin dalla morte dei genitori, Jang-Woo si è preso cura della giovane sorella. Quando questa viene uccisa il ragazzo non riesce a darsi pace e con l’aiuto di una disadatta medium comincia un’ossessiva caccia a quello che crede essere l’assassino. Teso e plumbeo thriller che viaggia nei lati oscuri dei personaggi.

A Mezzanotte MANIAC HERO di TOYOSHIMA Keisuke – Japan, 2016
Supereroi sfigati per un film in cui il mix di stili, dall’action al dramma, ridefinisce il concetto di commedia bizzarra. Imperdibile!