3 aprile 2020
Aggiornato 20:30
Beneficenza

Cussignacco vs Udinese: vince la solidarietà

Un’avventura lunga una sera fatta di emozioni e divertimento. Alla Contea è emerso il vero ‘spirito’ dello sport
I gagliardetti commemorativi della giornata realizzati grazie al lavoro di Matteo Tonutti
I gagliardetti commemorativi della giornata realizzati grazie al lavoro di Matteo Tonutti

UDINE - Una data importante da ricordare per gli amatori della Contea di Cussignacco. Quel giorno è stato lo scorso 16 maggio. Un lunedì speciale che li ha visti affrontare una rappresentativa dell'Udinese con giocatori del calibro di Pinzi, di Natale, Domizzi, Pasquale, Felipe, Floro, Flores, Bertotto, Calori e molti altri ancora. È stata però anche una serata all'insegna del volontariato, della beneficenza e della memoria della giornalista Paola Leonarduzzi, scomparsa prematuramente qualche anno fa.

Tutti insieme per beneficenza
Un evento di grosso richiamo per un impianto come quello ‘cussignacchese’, ma il Gigi Comuzzi ha dato completa disponibilità a tutte le persone e a tutti i tifosi giunti per vedere quella partita speciale e per dare il proprio contributo economico a favore della ricerca. Ed è proprio il presidente degli amatori Contea di Cussignacco, Andrea Piasenzotto, che ha voluto ringraziare pubblicamente la presidentessa di Andos (Associazione Nazionale donne operate al seno), Mariangela Fantin, assieme a tutto il suo direttivo per la caparbietà e per essersi messi in gioco anche in questa nuova esperienza gestita anche dal giornalista Massimo Meroi, marito della Paola, e in stretto contatto con l'Udinese. «Un grazie anche a Pier Romanin (l’allenatore della squadra locale) che ha fatto da anello di giunzione tra Massimo e gli amatori Contea. Se la giornata è stata simpatica, positiva e ha avuto un grande riscontro di pubblico – ha spiegato Piasenzotto - è grazie ai volontari che hanno subito sposato l'iniziativa è che si sono messi a disposizione per collaborare tutti insieme per un obiettivo unico. Tra i volontari mi preme sottolineare – ha continuato - la disponibilità del Gruppo Alpini di Cussignacco dimostratosi fondamentale per la gestione e per l'organizzazione del traffico, dei parcheggi e delle persone nelle zone limitrofe all'impianto sportivo. Altrettanto importanti sono stati i vari volontari, giovani e adulti, che si sono avvicendati nel chiosco gentilmente concessoci in utilizzo dall’Asd Cussignacco calcio Figc, assieme a tutto il resto dell'impianto».

L’unione fa la forza
Un’avventura quella del paese a sud di Udine possibile grazie anche alla squadra e allo staff, al direttivo degli amatori Contea di Cussignacco «Fabio Salvi, Massimo Trevisini, Stefano Gentilini, Borgna Gianfranco, Alessandro Chiandone sono le figure fondamentali – ha concluso Piasenzotto - che con grande forza e sacrificio hanno portato avanti anche questa iniziativa benefica». Possiamo dire che i risultati parlano da soli.