Prosegue il percorso di sostegno al settore Arte e Beni Culturali

«Restauro Beni Mobili»: 53 progetti di restauro per 440 mila euro

Accanto alle più tradizionali opere d'arte, i Beni, a cui si riferisce il bando, includono i beni culturali in senso ampio, tra cui statue, sculture, pale, beni librari.

Un dettaglio del Palazzo di Fondazione Crup (© Fondazione Crup - sito)

UDINE – A testimonianza di un’attenzione concreta verso la valorizzazione e la tutela del patrimonio artistico del Friuli e di una visione che riconosce alla cultura una valenza strategica, la Fondazione Crup prosegue il significativo percorso di sostegno al settore Arte e Beni Culturali intrapreso lo scorso anno con il bando 'Restauro Beni Mobili', mettendo a disposizione un plafond di 440 mila euro che andrà a sostenere 53 progetti di restauro. Una modalità rivolta alle realtà preposte alla conservazione delle numerose opere d'arte collocate nel nostro territorio e finalizzata a contribuire, in forma sussidiaria, alla custodia, preservazione e manutenzione del patrimonio culturale. La risposta alla prima edizione del bando ha offerto una fotografia della condizione dei beni artistici a rischio di degrado - in parte per le condizioni ambientali del contesto in cui si trovano, in parte per la mancanza di adeguate forme di prevenzione - molti dei quali sono stati prontamente sottoposti a significativi interventi di restauro che, in alcuni casi, proseguiranno anche quest'anno.

Hanno partecipato al bando 109 soggetti
Accanto alle più tradizionali opere d'arte, i Beni, a cui si riferisce il bando, includono i beni culturali in senso ampio, tra cui statue, sculture, pale, beni librari, etc. tutelati ai sensi del D.Lgs. 42/2004, nonché gli apparati decorativi di pregio (affreschi, decorazioni di pavimentazioni, dipinti, etc.) conservati nelle chiese, nelle parrocchie e, in generale, in edifici sottoposti a vincoli di tutela dello stesso decreto di legge. Hanno partecipato al bando 109 soggetti – tra istituzioni, enti pubblici, enti religiosi, associazioni con una richiesta complessiva di oltre 1 milione di euro. L'apposita commissione sulla base dei criteri indicati dal bando (tra cui l'urgenza di intervenire) ha selezionato 53 interventi. Si tratta di iniziative volte a favorire la tutela e la valorizzazione del patrimonio architettonico, artistico e storico locale, nonché ad incentivarne la diffusione e la fruizione.