Prima giornata da tutto esaurito

Continua il festival Risonanze tra liuteria, musica e parole

Cominciata la tre giorni di spettacoli organizzata dal Comune di Malborghetto

Liutai al lavoro in Val Saisera (© Risonanze)

MALBORGHETTO-VALBRUNA – Il festival Risonanze’ si sposta nel centro di Malborghetto. Sabato 4 giugno l’evento dedicato alla scoperta del legno di risonanza, dopo il tutto esaurito della prima giornata (con la passeggiata letteraria, l’esibizione di Orchextra e lo spettacolo di Paolo Rumiz ospitati nell’ex polveriera in Val Saisera), approda nelle strade di Malborghetto.

Alle 10.30 al via il laboratorio di liuteria (in casa Palinc in caso di pioggia) e alle 16 concerto dell’Accademia di musica ‘Ars Nova’ di Trieste con dal titolo ‘La musica ai tempi della grande Venezia’ (nella chiesa di Malborghetto in caso di pioggia). Alle 17.30 spazio a un talk con operatori, tecnici e musicisti dedicato a ‘Valcanale e il legno di risonanza’, moderato da Mauro Missana (in casa Palinc in caso di pioggia).
Alle 18.30 di nuovo musica protagonista con ‘Passeggiando da casa nostra al Sudamerica con una tromba e una fisarmonica’, concerto jazz di Flavio Davanzo e Romano Todesco (casa Palinc).
A chiudere la seconda giornata del festival, alle 21, sarà lo spettacolo teatrale ‘L’attesa…Das Warten’, a cura del gruppo strumentale Lumen Harmonicum e della Casa del lavoratore teatrale (nella chiesa di Malborghetto in caso di pioggia).

Risonanze è un’occasione unica per ammirare gli imponenti abeti rossi di risonanza, per ascoltare musica e racconti immersi in una natura ancora incontaminata, per vedere all’opera i maestri liutai, che creeranno i loro strumenti in tempo reale.
Il ‘legno di risonanza si trova solo in due regioni d’Italia: il Trentino Alto Adige e il Friuli Venezia Giulia. In quest’ultimo territorio cresce nel lembo più a nordest, in Valcanale, dove l’abete rosso di risonanza è conosciuto da secoli dai grandi liutai di tutto il mondo. Una peculiarità celata per anni, su cui il Comune di Malborghetto-Valbruna, con il sostegno di Regione Friuli Venezia Giulia e Fondazione Crup, e con la collaborazione del Corpo Forestale dello Stato (i partner del progetto sono Cooperativa PuntoZero, Alpi Friulane, Accademia Ars Nova e Liberatorio d’Arte), ha deciso di puntare facendola diventare motivo di richiamo e veicolo di promozione.

Informazioni più dettagliate sul festival ‘Risonanze’ sono reperibili sul sito internet www.risonanzefestival.com o sulla pagina Facebook dedicata. C’è anche un hashtag che è #Risonanze2016.