Progetto Aspic Fvg

‘Un Villaggio Possibile’: le emozioni a servizio

In collaborazione con gli IC di Udine sono state realizzate quattro azioni distinte

Nuovo progetto dall’associazione Aspic Fvg in collaborazione con gli istituti comprensivi di Udine (© shutterstock | wavebreakmedia)

UDINE - ‘Occorre un villaggio per far crescere un bambino’, questo antico proverbio africano spiega bene l’idea del progetto ‘Un Villaggio Possibile’: le emozioni a servizio dell’educazione e della comunità realizzato dall’associazione Aspic Fvg in collaborazione con gli istituti comprensivi di Udine, l’Associazione Genitori in Onda, l'attenzione e interessamento del Comune di Udine e finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia nell'Ambito dei progetti speciali.
 
Entrando nel dettaglio
In collaborazione con gli IC di Udine sono state realizzate quattro azioni. Innanzitutto i gruppi di formazione e supervisione per i docenti sulle strategie didattiche per alunni DSA-BES per ridurre l’incidenza dei disturbi/difficoltà dell’apprendimento, individuare i casi a rischio, prevenire insuccessi, dispersione scolastica e disagi emotivi. Sulla base dei bisogni dei docenti i gruppi sono stati realizzati anche su tematiche diverse. In secondo luogo si è provveduto all’attivazione di uno sportello. Per gli studenti della scuola secondaria di primo grado è stato attivato uno spazio di ascolto psicologico e orientamento quale supporto ed assistenza per favorire il benessere. Quindi sono stati realizzati dei laboratori. Sono state organizzate delle attività in classe per sviluppare le competenze trasversali. Si tratta di abilità che permettono ai bambini e ai ragazzi di affrontare in modo efficace le esigenze della vita quotidiana (es. imparare ad imparare, metodo di studio, gestione emozionale, empatia, capacità di collaborazione, consapevolezza dei propri stili relazionali, problem solving, senso critico e assertività). Infine è stata la volta di conferenze per i genitori sono stati organizzati degli incontri su tematiche di interesse per i genitori.