Operano in aree verdi e parchi

Polizia locale in bici: in un anno oltre 4.500 infrazioni rilevate

In questo periodo potenziato il parco mezzi con due nuove mountain bike. La squadra, nata da un'iniziativa del comandante della Polizia Locale, Sergio Bedessi

I vigili in bici del Comune di Udine (© Diario di Udine)

UDINE - Oltre 4.500 infrazioni al Codice della strada rilevate in 12 mesi di ‘ciclo-pattugliamento’. È questo il bilancio del primo anno di attività del nucleo ciclisti della Polizia locale, che proprio in questi giorni ha potenziato il proprio parco mezzi con due nuove mountain bike presentate alla stampa al parco Moretti. I due nuovi velocipedi, riconoscibili da un’apposita livrea grafica, dotati di lampeggianti anteriori e posteriori a luce led blu e corredati da caschetti da ciclista personalizzati, permetteranno di ampliare l'area di operativa anche ai parchi, alle aree verdi e, in generale, ai percorsi sterrati.

Il nucleo, composto da quattro addetti impiegati in via preminente nel servizio di ciclo-pattugliamento, opera nelle zone del centro città, vigilando sulla condotta dei ciclisti (uso corretto delle piste ciclabili, rispetto delle norme del Codice della strada con particolare riguardo al transito sul marciapiede, alla circolazione contromano, alla regolarità delle dotazioni obbligatorie per i velocipedi) e sui comportamenti irregolari da parte degli autoveicoli rispetto alle piste ciclabili e alle aree pedonali. Nel primo anno di attività, tra il 1° marzo 2015 e il 1° marzo 2016, la pattuglia su due ruote ha rilevato un totale di 4.522 infrazioni al Codice della strada.
L'assessore all'Ambiente e alla Mobilità, Enrico Pizza, sottolinea l'importanza dell'attività svolta dal nucleo in bicicletta, che con i nuovi mezzi migliorerà anche il presidio dei parchi  e delle aree verdi cittadine. Le due nuove bici hanno richiesto un investimento di circa 3 mila euro, comprensivo di Iva e di tutte le personalizzazioni e dotazioni tecniche e di allestimento necessarie all'attività della Polizia Locale.

La squadra, nata da un'iniziativa del comandante della Polizia Locale, Sergio Bedessi, e immediatamente sposata dall'amministrazione comunale e in modo particolare dall'assessore Pizza, parte dal presupposto che la versatilità d'uso e l'agilità di movimento rendano la bicicletta il mezzo ideale per il ciclo-pattugliamento delle aree centrali cittadine. Uno strumento che permette di migliorare flessibilità e tempistiche d’intervento, facendo sentire nel contempo al cittadino una presenza ancor più vicina e attenta.