8 milioni di fatturato, 65 dipendenti

Cda festeggia quarant'anni: nuova sede e nuovi investimenti

Il quartier generale dell’azienda a Flumignano cambia volto: inaugurerà sabato 11 la nuova struttura con la novità di un Lounge Bar. 2 milioni di euro di investimento e tre nuovi assunti

La nua sede dell'azienda di Flumignano (© Cattelan)

TALMASSONS - Cda compie 40 anni e fa le cose in grande. Sabato 11 giugno l’azienda di Talmassons di proprietà della famiglia Cattelan, otto milioni e mezzo di fatturato, 65 dipendenti, 43 automezzi, 4.200 distributori automatici, festeggerà con dipendenti, clienti e fornitori l’ambito traguardo. Durante la giornata, che vedrà la partecipazione di diverse autorità, ci sarà spazio per un taglio del nastro davvero speciale. Cda infatti negli anni ha sviluppato una filosofia di grande attaccamento al territorio e attenzione ai dipendenti tanto che la festa per i quarant’anni sarà quella di tutto un paese.
Fondata nel 1976 e cresciuta costantemente anno dopo anno, Cda inaugurerà una sede nuova di zecca, attigua alla precedente, dopo un progetto di riqualificazione dell’area, sempre nella zona industriale di Flumignano, durato 5 anni e costato circa due milioni di euro.

Nuova sede e lounge bar
La palazzina vedrà 900 metri quadri coperti e 2.500 mq di terreno, in un contesto moderno e funzionale con tanto di sala riunioni da 60 posti. Un upgrade non da poco che servirà per Cda come base per i nuovi progetti futuri. Nella nuova area sono previsti spazi funzionali come ad esempio l’appartamento per il custode e i servizi di ristorazione, nuovi magazzini, rimesse coperte e un impianto completo di autolavaggio, indispensabile per tutelare al meglio l’igiene e la sicurezza degli alimenti che vengono trasportati. All’interno della struttura anche un’area allestita con strumentazioni ad hoc che consentirà all’assistenza tecnica di poter operare in maniera più funzionale sulle 4.200 macchine di cui Cda è proprietaria.
Ma la nuova sede non è l’unica novità che coinvolge la comunità della bassa friulana. Già aperto, con una grande festa il 3 giugno, il Cda Lounge Bar, caffetteria e tavola calda che il venerdì proporrà anche un appuntamento ad hoc dedicato agli aficionados dell’aperitivo musicale. Alla festa di inaugurazione centinaia di persone hanno voluto partecipare all’happening organizzato nel giardino antistante i nuovi uffici, con musica, cocktail e anche la partecipazione della Cda Talmassons di volley. Tre i nuovi assunti direttamente da Cda per la gestione del locale, che è stato affidato all’esperto Ivan Collovigh.

Il futuro
A tutto questo si accompagnano altri tipi di investimenti, questa volta tecnologici e orientati al core business, con l’intento di sviluppare nuovi sistemi di gestione e utilizzo dei distributori automatici: dalle chiavette che diventano card per gli accessi, alle app per poter ordinare da cellulare, alle nuove macchine che distribuiscono il caffè americano come quello di Starbucks.
Tutto questo è attenzione per un mondo che sta cambiando le proprie abitudini, a partire da gesti semplici come quello di prendere uno snack in pausa. Uno snack che Cda vorrebbe fosse sempre più sano. La wellness division dell’azienda infatti prova a diffondere un messaggio mirato verso stili di vita sani e consumo di alimenti di qualità. E ci sta riuscendo: gli ultimi dati del bilancio sociale vedono un aumento di consumo degli alimenti ‘green’ e ‘bio’, secondo il sistema di valutazione chiamato ‘impronta nutrizionale’, coniato proprio da Cda e che gli è valso il Sodalitas Award, del 22% negli ultimi 5 anni. Per capire le tipologie di alimenti considerati sani Cda si rifà alle ferree linee guida regionali.  La pausa «bio» è solo Cda.