La firma tra Buttazzoni e Di Fonzo

Confartigianato Udine e Asdi Cluster Arredo Fvg insieme per l'internazionalizzazione

aranno gratuitamente predisposti dei percorsi con le aziende artigiane interessate a un'analisi di prefattibilitą del progetto di internazionalizzazione o aggregazione

Buttazzoni e Di Fonzo al momento della firma (© Asdi)

UDINE - Confartigianato-Imprese Udine e Asdi Cluster Arredo Fvg uniscono le forze per valorizzare, a livello internazionale, il sistema produttivo artigiano, favorendo lo sviluppo imprenditoriale e competitivo delle aziende del mondo Arredo e Casa. Una sinergia suggellata dal presidente dell'Asdi Franco Di Fonzo e dal vicepresidente vicario di Confartigianato Franco Buttazzoni con un accordo in cui il Cluster si impegna a fornire, alle migliori condizioni applicabili, i propri servizi agli associati della Confartigianato friulana. 

Dal 15 giugno saranno predisposti percorsi di internazionalizzazione 
Tramite la propria controllata Confartigianato Udine Servizi srl, l'associazione presta servizi gestionali a favore delle imprese associate, e annovera tra le sue settemila imprese anche numerose aziende appartenenti al Cluster Arredo e Casa. A partire dal 15 giugno il Cluster Arredo Fvg metterà a disposizione delle aziende artigiane le proprie competenze in ambito internazionale e di gestione dei progetti di reti di impresa, attività per la quale l'Asdi è riconosciuta sull'intero territorio regionale come il punto di riferimento per il settore Arredo e Casa. Saranno gratuitamente predisposti dei percorsi con le aziende artigiane interessate a un'analisi di prefattibilità del progetto di internazionalizzazione o aggregazione, prevedendo un incontro con l'impresa artigiana (o gruppo) per individuare i punti di forza e debolezza nel percorso di internazionalizzazione, l'analisi della capacità comunicativa e di marketing riguardo a un possibile inserimento sul mercato internazionale, la valutazione della compatibilità produttiva all'interno del gruppo di aziende per un progetto di aggregazione.

I commenti di Buttazzoni, Di Fonzo, Gortani e Piemonte
«Condividiamo così i percorsi di internazionalizzazione con chi ne ha le competenzeha commentato Buttazzoni – rispondendo alle esigenze dei nostri associati. Per le aziende artigiane è strategico fare sistema tra loro per affrontare i mercati esteri, siano essi vicini o lontani». «Regionalità e trasversalità sono la mission del Cluster Arredo – ha aggiunto Di Fonzo -, è tempo di unire le forze e competere insieme sui mercati globali uscendo così da divisioni settoriali o territoriali. Infatti nei prossimi mesi si arriverà a definire un Cluster in grado di rappresentare al meglio tutte le diverse aree di specializzazione del nostro comparto, con un ingresso possibile anche di Federlegno a rappresentare l'intero sistema arredo italiano». 
E un altro segnale di estensione territoriale del Cluster è l'interesse dimostrato dalla confederazione regionale degli artigiani ad entrare nella società, «ottima base di partenza per i progetti di aggregazione e internalizzazione», ha annunciato il segretario di Confartigianato Udine Gian Luca Gortani. «L'accordo di oggi funge da apripista per tutte le altre associazioni di categoria interessate – ha dichiarato il direttore del Cluster Arredo Fvg Carlo Piemonte -, il nostro obiettivo primario è lo sviluppo del cluster regionale; ricordiamo che con il 18,3% di occupati in Fvg del comparto Legno (la percentuale più elevata tra tutte le regioni italiane) il settore si conferma uno dei maggiori pilastri della nostra economia regionale, e pertanto da valorizzare».

I numeri della filiera legno-arredo
La filiera Legno-Arredo conta in regione 2.316 imprese attive, di cui 1.609 artigiane, con un «tasso di artigianalità» pari quasi al 70%. In totale le imprese artigiane del Friuli Venezia Giulia, al 31 dicembre 2015, sono quasi 29mila e danno lavoro a oltre 67mila addetti. L’artigianato esprime quindi il 31% dell’intero tessuto imprenditoriale regionale (si sale al 37% se si esclude l’agricoltura), composto da oltre 92mila aziende. Gli occupati in Fvg nel comparto Legno sono il 18,3%, la percentuale più elevata di tutte le regioni italiane, che determina un peso del sistema occupazionale del settore pari al 7% dell'intero comparto Casa italiano, rappresentando così in proporzione la filiera più rilevante della regione. Nel 2015 l'export del comparto Arredo del Fvg è stato di 1 miliardo e 440 milioni, pari al 13,3% del dato nazionale. Il Cluster Arredo FVG con il suo dato di export è secondo a livello nazionale preceduto solo da Treviso (16,5%), seguito da Brianza (8,5%) e Como (7,2%). Gli sbocchi principali sono Europa, Usa e paesi emergenti.